Pranzo fuori? Sì, ma light! 

Mangiando spesso fuori casa può essere difficile mantenere una dieta sana. Qualche suggerimento per una pausa pranzo gustosa ma equilibrata.

di DonnaModerna.com consiglia
 

Un pasto in mensa, un piatto veloce al bar o uno spuntino alla scrivania. Pranzando fuori casa non è sempre facile nutrirsi in modo adeguato, e i rischi vanno dal mangiare troppo poco, arrivando alla cena troppo affamate, allo scegliere alimenti pesanti e ricchi di grassi, che rendono difficile la digestione e favoriscono qualche chiletto di troppo. Come fare a conciliare le esigenze lavorative con quelle di una dieta sana? Con un po' di organizzazione è possibile, anche senza sacrificare il gusto.

Sì allo spuntino

Otto ore possono essere lunghissime se passate alla scrivania o dietro il bancone di un negozio, soprattutto se a pochi passi da te un distributore di bibite e snack fa capolino inducendoti in tentazione. Per evitare che la barretta di cioccolato o il sacchetto di patatine diventino un'abitudine, non dimenticare due spuntini leggeri ma sostanziosi. L'ideale è la frutta fresca: mela, banana o – con l'arrivo della bella stagione – una macedonia coloratissima di pesche e albicocche, ricche di vitamine e minerali, o di fragole e frutti di bosco. Lo yogurt è perfetto come spezzafame pomeridiano, magari accompagnato da un pugno di cereali integrali o di frutta secca tritata, specialmente se dopo il lavoro hai in programma un'attività sportiva. Se ami coccolarti con un dolce a metà mattina, puoi gustare un muffin, ma preparalo tu a casa scegliendo una ricetta senza grassi e con farina integrale.

A pranzo, no alla monotonia

Per evitare tentazioni, la parola d'ordine è varietà. Cambia ogni giorno ed evita menù troppo striminziti che ti lascerebbero insoddisfatta. Un altro segreto è quello di scegliere cibi integrali: essi sono ricchi di fibre, importanti per la salute dell'organismo. I nutrizionisti consigliano di assumerne almeno 25 grammi al giorno: per raggiungere questa quota, oltre a curare la tua dieta, puoi aiutarti con un integratore specifico come Metamucil, che offre quattro benefici in una sola fibra: lo psillio contenuto in Metamucil favorisce la regolarità intestinale, facilita il metabolismo dei lipidi, modula l’assorbimento dei nutrienti e favorisce un’azione lenitiva del sistema digerente. Qualche idea per la tua prossima pausa pranzo? Prepara uno o due sandwich spalmando del pane integrale con un formaggio magro come robiola o crescenza, e completa il tutto con una fetta di tacchino arrosto e un cetriolo tagliato a fettine: in questo modo farai il pieno di vitamina K e calcio. Ami l'insalata di riso? Alternala con quelle di orzo e di farro e arricchiscila con verdure croccanti a cubetti come carote, finocchi, pomodori e sedano. Il pesto non è solo un condimento per la pasta: usandone un cucchiaino per condire una porzione di patate e fagiolini bolliti soddisfi il palato senza appesantirti troppo. Oggi hai voglia di panino? Scegli un francesino integrale croccante: è più laborioso da masticare, quindi si digerisce meglio e stimola il senso di sazietà. Per la farcitura, scegli affettati magri e verdure crude come insalata e pomodori. Il pane integrale può accompagnare anche una freschissima caprese di mozzarella e pomodorini.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
salute/come-star-bene-in-primavera/Pranzo-fuori-Si-ma-light$$$Pranzo fuori? Sì, ma light!
Mi Piace
Tweet