• Home -
  • Salute-
  • Diete-
  • Caffè e caffè verde: proprietà e controindicazioni

Caffè e caffè verde: proprietà e controindicazioni 

Quali sono benefici e controindicazioni per la salute derivati dal consumo di caffè e caffè verde? Risponde Silvana Gambaro, naturopata ed erborista

di Silvana Gambaro

Il caffè è una bevanda di derivazione mediorientale presente sul commercio in circa 60 varianti: la tipologia arabica (Coffea arabica), dal gusto più delicato, comprende circa i due terzi della produzione mondiale, mentre il restante è costituito dalla robusta (Coffea canephora), di provenienza africana e asiatica, dal gusto più deciso.

La dose di assunzione giornaliera consigliata è pari a tre o quattro tazzine al giorno (per un totale di circa 300 mg di caffeina), avendo riguardo per situazioni eccezionali quali la gravidanza, specifiche patologie e soggetti particolarmente sensibili.

Composizione e principi attivi

Il caffè contiene caffeina, alcaloidi, minerali, lipidi, proteine, carboidrati e cellulosa, ed è generalmente descritta come una bevanda eccitante.

In questo senso, la presenza massiva di caffeina è determinante: questa sostanza appartiene alla famiglia delle xantine, ha un sapore tendenzialmente amaro ed agisce direttamente sull'apparato cardiovascolare, sul sistema nervoso centrale, sul metabolismo energetico e lipidico ed, infine, sulla diuresi.

È sempre bene ricordare però che, dal punto di vista farmacologico, l'esubero (comunemente detta “indigestione”) di caffè non produce gli stessi effetti causati dall'assunzione della sola caffeina.

Per scoprire benefici e controindicazioni del caffè, sfoglia la gallery

Caffè verde, il caffè "crudo"

Il caffè verde è una particolare varietà di caffè che si ottiene dal mix tra arabica e robusta, la cui particolarità risiede nella totale assenza di torrefazione: ecco così svelato il colore verde naturale che invece va a perdersi con la lavorazione dei chicchi. In poche parole, si tratta di caffè “crudo”.

Tra le altre sue specificità rispetto al tradizionale caffè tostato, è da evidenziare come la metabolizzazione del caffè crudo sia decisamente più lenta, un fattore che non causa i picchi ematici (ovvero i momenti di “apice” durante i quali la caffeina ha il suo maggior effetto) invece presenti nella metabolizzazione del caffè torrefatto.

Inoltre, come si evidenzia spesso nella differenza tra crudo e cotto, nell'alimento non trattato vi è una concentrazione maggiore di vitamine e sali minerali: per questo il caffè verde è ricco di antiossidanti, omega 3 e omega 6, ed è in grado di ridurre il colesterolo cattivo, regolare la pressione, contrastare i disturbi nervosi e rinforzare i tessuti ed i follicoli (capelli e pelle).

Un effetto benefico molto importante, infine, è la riduzione dell'assorbimento dei grassi ed il conseguente dimagrimento. Infatti, all'interno del caffè verde vi è grande presenza di metilxantine, ovvero delle autentiche molecole brucia-grassi: attenzione però, perché al fine di ottenere il risultato atteso, è necessario supportare il processo metabolico con la pratica di un’attività aerobica, che renda effettiva l'eliminazione delle molecole lipidiche in eccesso.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
salute/diete/caffe-e-caffe-verde-proprieta-e-controindicazioni$$$Caffè e caffè verde: proprietà e controindicazioni
Mi Piace
Tweet