Cereali: quali sono quelli che non devono mancare nella tua dieta

  • 1 8
    Credits: Olycom

    Per cereale si intende ogni pianta erbacea appartenente alla famiglia delle graminacee che produce semi amidacei, farinosi, commestibili - chiamati chicchi - utilizzati nell’alimentazione e dai quali si può ottenere farina.

    I cereali sono piante presenti da secoli e tuttora rivestono un'importanza primaria nella nutrizione in quanto ricchi di glucidi, fibre, vitamine e sali minerali.

    Scopriamo meglio nelle prossime pagine quelli più comuni e presenti sulle nostre tavole.

  • 2 8
    Credits: Olycom

    Frumento

    Il frumento o grano è noto fin dai tempi antichi e rappresenta ancor oggi, soprattutto nelle zone temperate, la principale fonte di cibo per l’uomo.

    Il frumento, che si divide in tenero e duro, si compone di amido (circa 70%), proteine (10-20%) e lipidi (circa 2%).

    Il primo è usato in panificazione, pasticceria, per la produzione di prodotti da forno (biscotti, panettoni, ecc), mentre il frumento duro è impiegato maggiormente nell’industria pastaia ma anche in minima parte nella panificazione per la produzione di pani tipici.

  • 3 8
    Credits: Olycom

    Riso

    Forse il più antico cereale conosciuto dall'uomo, il riso è un alimento molto utile all'organismo grazie alle sue innumerevoli proprietà, prime fra tutte l'elevata digeribilità e la capacità di regolare la flora intestinale.

    Riso basmati, riso nero, riso bianco classico: i tipi di riso sono svariati, pensa che solo in Italia se ne coltivano circa cinquanta varietà, diverse per forma e dimensione dei chicchi, oltre che per fragranza e contenuto.

  • 4 8
    Credits: Olycom

    Mais

    Il mais è un cereale privo di glutine, può entrare dunque nella dieta di chi soffre di celiachia.

    È una fonte di acido folico e vitamina B1 ed è per ciò indicato per l’alimentazione in gravidanza e per i bambini, a partire dalla prima infanzia.

    Il mais, inoltre, presenta una buona quota di ferro e di altri minerali ed è quindi ottimo anche in caso di anemia. È particolarmente digeribile ed è ricco di fibra alimentare, per questo motivo è un alleato prezioso per stomaco e intestino.

  • 5 8
    Credits: Olycom

    Orzo

    Dalle proprietà remineralizzanti e antinfiammatorie, l'orzo è molto utile per l’intestino e in caso di stitichezza.

    La composizione dell’orzo è molto simile a quella del mais, si differenzia però per la maggior quota proteica e per la minor quota lipidica. Il 65/70% è costituito da carboidrati.

  • 6 8
    Credits: Olycom

    Avena

    A differenza di altri cereali come frumento e orzo, anche lavorata l’avena mantiene la crusca e il germe, che sono le parti del chicco in cui si trovano la maggior parte dei nutrienti e molte sostanze cardioprotettive.

    L’avena contiene un tipo di fibra solubile, il betaglucano, che funziona come una spugna. Quando si deposita nell’intestino, esso intrappola il colesterolo e ne facilità lo smaltimento.

    L’impiego dell’avena dà ottimi risultati anche in caso di depressione, nervosismo e insonnia in quanto i chicchi contengono un 60-70% di amido e altri glucidi, un 14% di proteine e un 7% di lipidi (grassi), all’interno dei quali si trova una significativa percentuale di lecitina.

  • 7 8
    Credits: Olycom

    Sorgo

    Ricco di fibre, ma privo di glutine, il sorgo è un cereale perfetto anche nelle diete per celiaci.

    Altamente digeribile e facilmente assimilabile, il sorgo oltre a contenere importanti sali minerali come ferro, calcio, potassio e vitamine come Vitamina B3 e la vitamina E, contiene antiossidanti naturali e fitocomposti quali acidi fenolici, fitosteroli e flavonoidi.

  • 8 8
    Credits: Olycom

    Segale

    La segale è un cereale di montagna, ricco di proprietà nutritive.

    Per l'alto contenuto di fibre è utile per l'intestino e la flora intestinale, ma svolge anche un'azione anti-arteriosclerotica.

    Le proprietà nutritive della segale sono di notevole importanza, anche se da un punto di vista nutrizionale ha un minor contenuto di proteine rispetto al frumento. La segale integrale contiene ben il 69% di carboidrati e circa il 12% di proteine ed è quindi un alimento sia energetico sia costruttivo.

    È inoltre ricca di sali minerali come fosforo, potassio, magnesio e calcio e numerose vitamine specialmente quelle del gruppo B.

/5

Che i cereali facciano bene è cosa ormai nota: ma quali sono i principali e quali le loro proprietà? Scoprilo qui

Per cereale si intende propriamente ogni tipo di chicco o i prodotti suoi derivati: mais, frumento, riso, pane e pasta sono degli esempi di cereali.

Sulla base del grado di trasformazione al quale vengono sottoposti, i cereali possono essere suddivisi in 2 sottogruppi principali: i cereali integrali e i cereali raffinati.

I primi contengono l'intero patrimonio nutritivo del chicco, cioè lo strato di crusca e il germe, ricche fonti di fibre, vitamine e minerali, e l'endosperma, fonte di amido e proteine.

I cereali raffinati, invece, hanno perso gran parte delle sostanze benefiche che conteneva il chicco, e inoltre possono contenere sostanze aggiunte dannose. Ecco perché si consiglia sempre l'assunzione di cereali integrali.

I principali cereali presenti nella nostra dieta sono il frumento, il riso, l'orzo, il mais, l'avena, il sorgo e la segale, ciascuno caratterizzato da proprietà nutritive importanti e benefiche per la nostra salute, tra cui la capacità di regolarizzare l'intestino e di sopperire a carenze vitaminiche o di minerali.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te