Quali cibi fanno venire i brufoli? 

Per contrastare la comparsa di brufoli e prendersi cura della salute della pelle, è consigliabile limitare il consumo di cibi zuccherini e alimenti raffinati

di Margherita Monfroni
Credits: 

Shutterstock

 

Fattori ormonali, stress, clima umido, l’utilizzo di cosmetici oleosi o aggressivi, il fumo di sigaretta ed un’alimentazione squilibrata, sono tutti fattori che influenzano la comparsa di brufoli occasionali o che concorrono al peggioramento dell'acne, una delle malattie dermatologiche più comuni al mondo che si manifesta con comedoni (i cosiddetti punti bianchi o neri, a seconda che lo sbocco in superficie sia chiuso o aperto), lesioni infiammatorie di colorito rosso-roseo chiamate papule, pustole, noduli e cisti.

Se alcuni fattori come la familiarità o le condizioni atmosferiche sono difficilmente modificabili, d’altro canto è possibile agire su tutti quegli aspetti inerenti lo stile di vita che possono contribuire ad evitare o ridurre la comparsa dei brufoli, a partire dall’alimentazione.  

Come dimostrato dalla letteratura scientifica, infatti, esisterebbe una correlazione tra infiammazione della pelle e alimenti ad alto contenuto glicemico, ovvero cibi che causano un elevato e rapido aumento dei livelli di zucchero nel sangue.  

Per essere smaltiti, infatti, questo tipo di alimenti richiede l’intervento di una grossa quantità di insulina, l’ormone incaricato di metabolizzare gli zuccheri e mantenere nella norma la quantità di glucosio nel sangue: troppa insulina nel flusso sanguigno può influenzare l’attività delle ghiandole sebacee, causando un aumento della produzione di sebo e quindi favorendo la comparsa di brufoli e acne.

E non solo. Quando gli zuccheri ingeriti sono costantemente troppo elevati, può accadere che l’insulina non venga prodotta in quantità sufficiente o che non agisca in maniera efficiente, entrambi fattori che possono causare l’iperglicemia, anticamera del diabete di tipo 2.

Per prendersi cura della pelle e della salute generale, quindi, è consigliabile limitare il consumo di alimenti ad alto contenuto glicemico quali:

- zucchero bianco e alimenti contenenti zucchero o sciroppo di glucosio;

- dolci;

- cereali raffinati quali farina bianca, pane e pasta bianchi, cracker, grissini, pancarrè;

- bevande zuccherate e bibite gassate;

- nespole, datteri, carote cotte;

- patate, specialmente fritte.

Come suggerisce uno studio pubblicato sull'American Journal of Nutrition, poi, per limitare la comparsa di brufoli potrebbe essere d’aiuto inserire nel regime alimentare cibi quali cereali integrali, legumi e verdure, e più in generale preferire alimenti a basso indice glicemico come zucchine, carote crude, pesche, prugne, albicocche, tofu, soia, crusca, avena, piselli, ceci, fagioli, noci, nocciole, latte d’avena e di soia.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
salute/diete/quali-cibi-fanno-venire-brufoli$$$Quali cibi fanno venire i brufoli?
Mi Piace
Tweet