Stanotte si gioca a dirty talking: come parlare “sporco” a letto

Credits: GETTY
/5

Impara il nuovo rito per alzare la passione alle stelle. A Roma c’è anche un corso. Ma per provare bastano la complicità del partner e qualche consiglio

Quanto possono essere sexy le parole! La prova è il gioco erotico del momento, lanciato dal club Les Zouzet-tes di Roma. «Nel corso sveliamo arte e segreti del dirty talking. Dizionario alla mano, questa espressione significa parlare sporco, un classico dell’immaginario erotico» spiega Barbara Florenzano, psicoterapeuta e sessuologa.

«Noi vogliamo far capire che di sporco non c’è nulla. Anzi, è un modo raffinato, e diverso dai soliti cliché, di sedurre il partner». Una seduzione che inizia ben prima di arrivare in camera da letto. Protagonista il racconto erotico.

   

Al telefono o al ristorante si fanno emergere desideri reconditi e si lanciano al proprio lui frasi del tipo: «Ieri al cinema ti ho pensato durante certe scene», oppure: «Stanotte ho sognato che mi spogliavi con foga». Parole che aprono la strada a un incontro ad alto tasso erotico perché suonano come una sensuale promessa.

   

Poi si passa alla seconda parte del gioco: osare la parola spinta nell’istante clou. Quella che a mente fredda fa arrossire, ma che in quei momenti porta l’eccitazione al top. Però, diciamo la verità: il dirty talking può essere stuzzicante in teoria, ma la sola idea di sussurrare cose del genere al partner fa morire d’imbarazzo. «Infatti funziona bene tra sconosciuti o nelle coppie rodate, dove la complicità rompe ogni barriera» dice Florenzano.

«E poi non dimentichiamo che ci sono uomini più “portati” di altri. Il partner adatto è quello “uditivo”. Quello, cioè, che ascolta attentamente e usa espressioni tipo “Io sento che…”. È così? Allora, semaforo verde».

   

La via giusta per iniziare è svelare fantasie e sogni in modo velato, durante il giorno. Dopo si passa a toni allusivi nei momenti di intimità. Per esempio, “Mi piace quando mi accarezzi così il seno”. Oppure a domande intriganti come “Cosa vuoi che ti faccia?”. Per finire con i termini più spinti quando il sesso entra nel vivo. Certo, il pericolo di scoppiare a ridere è comunque in agguato. «Ma anche se fosse, che male c’è?» conclude Florenzano. «Niente consolida un rapporto come una sana risata, nudi, l’una nelle braccia dell’altro».

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te