Porno: questo è l’hard che piace alle donne

/5

Scene bollenti e atmosfere soft. I film più osé possono intrigare, ma solo se la trama è bella. Parola di una regista inglese cult del genere

Porno sì, ma con stile. Le donne sono esigenti in fatto di sesso, anche quando si parla di film hard.

Perché, confessiamolo, anche a noi donne i porno possono piacere, purché abbiano una trama sensata, da commedia romantica.

Lo sa bene la regista inglese Jackie St. James, che con i suoi titoli conquista il pubblico femminile. «Sono proprio le brave ragazze come me, oggi, quelle che possono guardare un blockbuster hard senza vergognarsene » dice.

Non a caso, i film più famosi di questa talentuosa videomaker sono quelli della serie “Romance”, che nelle locandine rappresentano coppie glamour: fustacchioni hollywoodiani e attrici ammiccanti, ma mai volgari.

«Il segreto per catturare e divertire le donne è scrivere un soggetto in cui il plot, cioè la storia, sia coinvolgente» spiega l’esperta. «Rispetto ai porno maschili, infatti, ci sono più dialoghi e meno zoom sulla penetrazione: alle signore interessa la relazione fra i partner, non tanto l’atto fisico. La tensione erotica che si crea nel momento della seduzione e della conquista conta più delle performance tra le lenzuola. Lo scenario, quindi, deve avere come protagonista una figura femminile: moglie, amante o fidanzata che sia, purché si tratti di donne vere, non di fantasie maschili trite e ritrite (l’infermiera cattiva, la prof sexy...). Così è più facile che a prendere l’iniziativa di vedere questo tipo di film, a casa o al cinema, sia lei. E che la visione, poi, si riveli propiziatoria per risvegliare il desiderio nella coppia».

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te