• Home -
  • Salute-
  • La miglior campagna per la salute? Il gossip

La miglior campagna per la salute? Il gossip 

Uno studio rivela che le cattive abitudini e le malattie dei vip sono un efficace strumento di prevenzione

di Neva Ganzerla  - 26 Ottobre 2010
Credits: 

Kikapress/Lindsay Lohan

L'odissea medico-giudiziaria di Lindsay Lohan sembra essere terminata. Almeno, per questa volta. Infatti l'attrice è stata rilasciata dalla clinica di riabilitazione dopo solo 22 giorni, nonostante la sentenza del tribunale ne prevedesse 90. Una decisione simile a quella che l'ha vista scarcerata dopo 13 giorni sui tre mesi della condanna. Cos'è successo stavolta? Trattamento di favore? Non proprio: secondo i medici che l'hanno visitata al centro medico della UCLA, la Lohan non è dipendente e dunque la sentenza è stata decisamente eccessiva. La perizia scagiona quindi Lindsay e la trasforma in breve tempo in una donna libera. Ci ricascherà?

 

Nessuna campagna per la salute è più efficace del gossip.
 
A rivelarlo è uno studio dell'Università del Missouri, che ha realizzato alcuni focus group per capire se le persone sono influenzate più dal contenuto delle campagne per la salute o dai testimonial ingaggiati per realizzarle.
 
Ne è emerso che seguire ossessivamente le storie dei vip, soprattutto se legate alle dipendenze o alle malattie, fa bene alla salute perché l'esempio dei ricchi e famosi può stimolare le persone a prendere in considerazione cambiamenti nel proprio stile di vita.
 
Durante il focus group, persone di diversa età e condizione sociale, divise in piccoli gruppi, leggevano e discutevano storie di vip con problemi di salute o di dipendenza e i ricercatori ne analizzavano l'atteggiamento morale ed emotivo.
 
"Di solito quando una persona legge una notizia riguardo alla salute non cambia i propri atteggiamenti, a meno che non abbia un parente o un amico affetto dagli stessi problemi" spiega Amanda Hinnant, autrice dello studio "Nel caso delle celebrità invece questo passaggio viene saltato e la persona famosa viene considerata come un contatto interpersonale", al pari di un amico o di un membro della familgia.
 
Quindi, secondo l'esperta, il giornalismo di gossip potrebbe essere usato per veicolare messaggi sulla salute: "Dallo studio è anche emerso che molti sono disposti a cambiare i propri comportamenti in base alle storie delle celebrità perché sono un utile stimolo a discutere in famiglia di problemi come le malattie o le dipendenze da alcol e droghe".
 
Attori, modelle e cantanti si trasformano quindi in involontari testimonial per la salute, innescando campagne di prevenzione più efficaci di quelle istituzionali.

Nella foto: Lindsay Lohan

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
 
 
salute/gossip-salute-malattie-vip-droga$$$La miglior campagna per la salute? Il gossip
Mi Piace
Tweet