Congiuntivite in estate: occhio al sole

  • 1 5
    Credits: Olycom

    Capita frequentemente: in estate è facile avere gli occhi arrossati, che prudono o bruciano. Così come è piuttosto comune soffrire di improvvisa fotofobia o sentire la presenza di una sorta di corpo estraneo nell'occhio (simile a sabbia). Soltanto alcune volte si tratta di vera e propria congiuntivite batterica o virale, se non allergica. Spesso, infatti, l'occhio è semplicemente irritato dall'esposizione al sole, dalla sabbia, dal cloro oppure dalla pessima abitudine di sfregarsi gli occhi con le mani.

    Proprio le mani rivestono un ruolo determinante per la salute degli occhi: non bisognerebbe mai grattarsi, sfregarsi o toccarsi gli occhi e, nell'applicare trattamenti o make-up, le mani dovrebbero essere perfettamente deterse, così come gli strumenti assolutamente puliti se non sterili.

    In caso di sospetta congiuntivite o fastidio insistente agli occhi, è sempre necessario recarsi dal medico specialista per ottenere una diagnosi e, di conseguenza, la prescrizione della terapia più indicata. Infatti, una congiuntivite non curata o trattata con il fai da te, potrebbe avere conseguenze anche serie sulla salute dell'occhio.

    Infine, due consigli sempre validi. Il primo riguarda il collirio: sia i colliri medicinali sia le lacrime artificiali (o i colliri lubrificanti all'acido ialuronico) andrebbero preferiti nella versione monodose, perché sicuramente sterili e non soggetti a contaminazioni.

    Il secondo consiglio è di bere sempre molta acqua quando fa caldo e si sta al sole: in estate, infatti, aumentano anche gli episodi delle cosiddette "mosche volanti" , segno che il corpo vitreo si è disidratato.

  • 2 5
    Credits: Olycom

    Non solo per le rughe

    Gli occhiali da sole sono ormai un vero e proprio accessorio moda, dunque le fashion victim sono avvantaggiate nella protezione degli occhi dal sole. Però non basta un paio di occhiali qualsiasi: è essenziale, infatti, che si tratti di lenti specifiche per la protezione solare, certificate e di ottima qualità. Da evitare, quindi, gli occhiali di dubbia provenienza, così come i negozi dell'usato. Per quanto inizialmente di ottima fattura, gli occhiali vintage sono comunque reduci da usura e, quindi, le lenti possono essere graffiate o rovinate.

    Gli occhiali vanno indossati sempre durante l'esposizione solare e, a maggior ragione, anche quando si passeggia in acqua o si sta con i piedi a mollo in piscina. Per proteggere al meglio gli occhi, può servire anche un cappello a tesa larga (come quello delle dive).

    Questi accorgimenti non solo preserveranno la salute degli occhi ma difenderanno anche l'area perioculare da rughe precoci e macchie solari. Da non dimenticare: anche in montagna il sole è "pericoloso", dunque sui monti sono d'obbligo specifici occhiali da sole.

  • 3 5
    Credits: Olycom

    La diagnosi e la terapia

    Nel caso il fastidio agli occhi perduri per qualche giorno e ogni qualvolta si sospetti una congiuntivite, è necessario sottoporsi a una visita specialistica. Soltanto in questo modo, si potrà ottenere una diagnosi precisa e, di conseguenza, si potrà ricorrere alla terapia più indicata.

    Da evitare, sempre, il fai da te. Usare un collirio a caso, benché "da banco", potrebbe non solo non portare a guarigione ma persino peggiorare il quadro clinico. Attenzione soprattutto con i colliri a base di cortisone e a quelli antistaminici, da usare solo ed esclusivamente se prescritti dal medico oculista.  

    Lo stesso medico consiglierà le lenti più appropriate per proteggersi dal sole sia al mare, sia in montagna.

  • 4 5
    Credits: Olycom

    Le lacrime artificiali

    Non solo arrossamento o bruciore, spesso si può avvertire una vera e propria secchezza dell'occhio in estate o dopo l'esposizione al sole. Lo stesso fastidio, a volte accompagnato da prurito o sensazione di corpo estraneo, può sopraggiungere dopo aver lavorato molto al computer.

    Per prevenire questi episodi di secchezza oculare, si possono usare le lacrime artificiali (in formato monodose) per lubrificare l'occhio e donare sollievo. In alcuni casi, il medico prescrive specifici colliri a base di acido ialuronico, che aiutano a "idratare" l'occhio.

    Sempre in estate, si possono verificare con maggior frequenza anche gli episodi di "mosche volanti": si visualizzano piccoli corpi in movimento, simili ai moscerini. Questo fastidio segnala disidratazione del corpo vitreo, che è di consistenza gelatinosa.

  • 5 5
    Credits: Olycom

    Mani sempre pulite e lontane dagli occhi

    Può sembrare banale ma molte infezioni oculari sono causate proprio dal contatto degli occhi con le mani. Infatti, sono ancora numerose le persone (adulte) che si sfregano o si toccano gli occhi continuamente. E, ancor peggio, senza essersi preventivamente lavati le mani.

    La regola è tenere lontane le mani dagli occhi e, in caso di trattamenti estetici o applicazione di make-up, lavare alla perfezione le mani e utilizzare solo strumenti (pennelli, piegaciglia, mascara, kajal) perfettamente puliti, non vecchi e mai chiesi in prestito.

    Sempre per evitare congiuntiviti, è importante utilizzare gli appositi occhialini in piscina (a uso esclusivamente personale). Questi ultimi proteggeranno l'occhio anche dall'azione irritante del cloro che, unitamente ai raggi solari, potrebbe causare una vasta gamma di fastidi agli occhi.

/5

Congiuntivite e occhi rossi sono un grande classico in estate, ma grazie alle giuste precauzioni, è possibile prevenire efficacemnte questi disturbi

Gli occhi in estate si arrossano più spesso e le congiuntiviti sembrano più frequenti. Non sempre, però, il bruciore agli occhi dipende da un'infezione batterica o virale. Solitamente infatti sono semplicemente caldo e sole a creare disturbi agli occhi, irritandoli così tanto da causare fotofobia, insopportabile bruciore e arrossamento diffuso. Per questi motivi, soprattutto in estate, è importante proteggere al meglio i nostri occhi. La prima cosa da fare è non dimenticarsi mai gli occhiali da sole. A tal proposito, è necessario che le lenti siano di ottima qualità (meglio investire in buone lenti, invece di lasciarsi attrarre da occhiali low cost con una montatura alla moda). Oltre agli occhiali, è importante tenere presente una regola base, ma spesso dimenticata: lavarsi spesso le mani e non sfregarsi o toccarsi gli occhi, neppure se prudono. In caso di sospetta congiuntivite, è opportuno recarsi immediatamente dal medico curante e farsi prescrivere una visita oculistica. Se non curata, infatti, una congiuntivite può dar luogo a conseguenze anche serie per la salute dell'occhio.

Vuoi proteggere i tuoi occhi senza rinunciare ad un tocco fashion? Scopri le nostre proposte

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te