Imparare a dire no

Credits: Olycom
1 7

Una delle paure più grandi che spesso abbiamo è associata al non valere agli occhi degli altri, all'essere considerate in maniera negativa, non all’altezza, a non essere accettate.

Attorno a quest'ultima frase gira tutta la nostra difficoltà a dire no. Questa paura parte da lontano: da bambini ci accorgiamo che per sopravvivere è necessario il ben volere degli altri, e che per star bene bisogna piacere alle persone che abbiamo intorno.

Con molta probabilità in questo periodo della nostra vita si forma il legame tra quello che pensano gli altri di noi e la nostra sopravvivenza, e questa esperienza infantile ha il difetto di non ridimensionarsi col passare del tempo.

A volte però dire di no è necessario, per noi stesse e per gli altri; ecco perchè abbiamo interpellato Francesca Zampone e Marco Bonora, soci fondatori dell'Accademia della Felicità, che ci spiegano l'origine di questo meccanismo e ci danno utili consigli per migliorare il nostro modo di porci di fronte alle richieste degli altri.

/5

Anche quando vorresti dire di no alla fine dici sì? Ti sobbarchi di favori da fare, incombenze che non spetterebbero a te e non riesci a farti negare? Segui i nostri consigli e impara a far rispettare i tuoi confini

Dire no è un’arte che si apprende. Sì perché in realtà fin da piccoli veniamo educati a farci benvolere dagli altri, a non deluderli, a non disattendere le loro aspettative.

In realtà queste regole, che sedimentano dentro di noi anno dopo anno, spesso ci portano a pensare più agli altri che a noi stesse, a dare più importanza alle loro richieste che alle nostre esigenze.

Il risultato? Spesso non riusciamo a dire no quando un’amica, il fidanzato, un parente o un collega ci chiede qualcosa, dal più piccolo favore alla più impegnativa richiesta.

Con pazienza, costanza e pratica si può però imparare a rafforzare la propria autostima, indispensabile per farci valere, per fissare dei confini di accondiscendenza da non superare e, quando è il caso, per dire di no senza sensi di colpa.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te