• Home -
  • Salute-
  • Influenza suina: non si previene con i farmaci

Influenza suina: non si previene con i farmaci 

Nuova influenza: non c'è nessuna emergenza. Non comprate gli antivirali: non servono a prevenirla.

di Lorenza Guidotti  - 20 Luglio 2009

 "Nelle farmacie viene fatta sempre più spesso la richiesta di acquistare antivirali, oseltamivir e zanamivir, nel timore del contagio del virus A/H1N1. E' il caso di ripetere che si tratta di una richiesta irrazionale" dice il presidente della Federazione degli Ordini dei farmacisti Andrea Mandelli. "Innanzitutto perché questi farmaci non hanno una funzione preventiva, ma vanno assunti esclusivamente quando l'influenza è in atto, e dopo che un medico ha stabilito che è opportuno somministrare degli antivirali e ha compilato una prescrizione. L'uso a sproposito degli antivirali può solo avere come conseguenza l'aumento del rischio di selezionare virus resistenti al farmaco".E cioè può avere l'effetto opposto: chi assume farmaci antivirali senza averne bisogno, rischia poi che non facciano nessun effetto nel momento in cui viene contagiato davvero.

In ogni caso in Italia non c'è un'emergenza sanitaria in atto. Secondo i dati  del 6 luglio 2009 pubblicati dal Ministero della Salute in Italia dal 24 aprile ad oggi si sono  verificati 158 casi confermati di nuova influenza umana A/H1N1. Chiunque volesse informazioni più dettagliate, può chiamare il numero 1500.

L'OMS (Organizzazione mondiale della sanità) ha pubblicato una mappa  sulla diffusione dell'H1N1 su scala mondiale dove trovate gli aggiornamenti  più importanti.

In periodo di vacanze c'è anche chi è tentato di comprare su Internet farmaci utili da tenere in valigia. Niente di più sbagliato.

"Cercare di entrare in possesso del farmaco rivolgendosi alle cosiddette farmacie virtuali on line è ancora più pericoloso" - prosegue Mandelli "che soprattutto in Gran Bretagna stanno mettendo in atto una politica molto aggressiva. Con questi acquisti a distanza non si sa letteralmente che cosa si riceve: potrebbe trattarsi di una contraffazione, spesso contenente sostanze pericolose, oppure di un farmaco scaduto o conservato senza rispettare le dovute precauzioni.  Sempre che, poi, al cittadino venga effettivamente inviato qualcosa: la metà di questi acquisti si risolve nella più classica delle truffe".

Per prevenire il contagio bastano semplici precauzioni: lavarsi spesso le mani, evitare i contatti ravvicinati con chi è malato e, in generale, non trattenersi in luoghi molto affollati. Insomma, le stesse regole di igiene personale che si applicano anche durante le normali epidemie influenzali stagionali.

Ecco i consigli del Ministero della salute  per viaggiare sicuri.

 

 

 

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
 
 
salute/influenza-suina-non-si-previene-con-i-farmaci$$$Influenza suina: non si previene con i farmaci
Mi Piace
Tweet