Insalatina d'orzo agli asparagi 

Un primo di stagione. Semplice, profumato e colorato

di Neva Ganzerla  - 12 Aprile 2010

Protagonista di questa stagione, l'asparago ha alle spalle una storia millenaria. La sua coltivazione infatti è tipica dell'area mediterranea e risale a oltre 2.000 anni fa.

Questa angiosperma fa parte della famiglia di aglio e cipolla ed è nota per le sue qualità officinali. Principalmente il suo consumo favorisce la diuresi, quindi aiuta a espellere i liquidi in eccesso.

Inoltre è ricco di minerali e vitamine: fosforo, calcio, magnesio, manganese, acido folico, vitamina A, C e B. È povero di sodio, adatto quindi a chi soffre di ipertensione e deve limitare il sale a tavola.

Rilevante il contenuto di asparagina, un aminoacido che è alla base di alcune proteine essenziali per il nostro benessere.

Esistono vari tipi di asparagi adatti alla cucina, differiscono per colore e per intesità di sapore, ma mantengono caratteristiche organolettiche comuni.

Le sue proprietà diuretiche, depurative e rimineralizzanti lo rendono un alimentomolto utile a chi vuole intraprendere una dieta disintossicante.

Insalatina d'orzo agli asparagi di AleDD

Ingredienti per 2 persone

100 gr d'orzo

1 mazzo di asparagi

150 gr di pomodori

foglie di menta fresca

sale e olio extravergine di oliva

Procedimento

Cuocere l'orzo in acqua salata per 20-30 minuti circa, secondo le indicazioni della confezione. Pulire gli asparagi, lavarli e legarli con uno spago.

In una pentola alta immergerli in acqua fredda leggermente salata lasciando fuori le punte, portare a bollore e lasciar cuocere per circa 20  minuti. In questo modo le punte verranno cotte con il vapore.

Tagliare grossolanamente i pomodori e versarli in una ciotola con qualche foglia di menta tagliuzzata. Aggiungere l'orzo sgocciolato e un filo di olio, mescolate, regolate di sale e lasciate intiepidre.?Tagliare gli asparagi avendo cura di lasciare intere le punte, aggiungerli al resto degli ingredienti

Note

In commercio si trovano diversi tipi di orzo: integrale, decorticato e perlato.

Per avere il massimo contenuto di fibre e oligoelementi è da preferire il tipo integrale. Se si gradisce un prodotto dal gusto più delicato scegliere il tipo decorticato. L'orzo perlato è invece da limitare a causa della raffinazione a cui è sottoposto che ne impoverisce le qualità organolettiche.

Ricetta tratta da Veganblog.it

Scopri le altre ricette 100% vegetali

Leggi perchè Vegan

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
salute/insalatina-di-asparagi$$$Insalatina d'orzo agli asparagi
Mi Piace
Tweet