Perché usare gli integratori antietà

  • 1 6
    Credits: Shutterstock

    Una pelle morbida, setosa e soprattutto senza le tanto odiate rughe è quello che desideriamo tutti. Ma la genetica non è in grado di fare tutto e per sfoggiare un incarnato fresco e luminoso, non servono solo trattamenti cosmetici adeguati e costanti, ma anche una dieta sana ed equilibrata  - l'alimentazione è sempre la soluzione migliore per fare scorta di quello che serve alla nostra pelle per mantenersi giovane - e un piccolo aiuto che agisce direttamente dall'interno. Stiamo parlando degli integratori antietà che quotidianamente si prendono cura da dentro della nostra pelle: un valido aiuto di cui ormai non si può più fare a meno.

    .

  • 2 6
    Credits: Shutterstock

    Da utilizzare già dopo i 30 anni, gli integratori antiage diventano essenziali quando non indispensabili dopo i 50 anni e cioè nel momento in cui la pelle può diventare più sensibile all'azione dei radicali liberi. In questo particolare momento della nostra vita le linee d'espressione e le rughe si fanno via via più profonde in seguito alla perdita del grasso sottocutaneo e la diminuzione degli estrogeni dovuta alla menopausa porta la pelle a perdere addirittura il 30% del collagene nei primi cinque anni dopo l'inizio della menopausa.
    E cosa si può fare per tenere sotto controllo gli inestetismi della pelle causati dalla menopausa? Aiutarsi con gli integratori antietà!

  • 3 6
    Credits: Shutterstock

    Per l'integrazione di sostanze antiossidanti, e quindi antiage, l’alimentazione, anche se sana ed equilibrata, non è sufficiente: buona parte di frutta e verdura (i nostri migliori alleati antietà) arriva sulla nostra tavola in larga misura sottratta dei propri principi nutritivi, a causa delle piogge, dei processi di conservazione e di manipolazione degli alimenti. Ecco perché è molto importante, sopratutto in condizioni di rischio come stress, alimentazione sbilanciata o scarso esercizio fisico, combattere l’invecchiamento cutaneo anche dall'interno.

    Si possono integrare sali minerali, vitamine, antiossidanti, in particolare vitamina A, B, C, E, acido folico (importante anche per evitare l’aumento dell’omocisteina), manganese, molibdeno, rame, zinco, selenio, potassio. Sono utilissimi anche l'acido lipoico, glutatione, picnogenolo, aminoacidi solforati (quali cistina, cisteina, metionina), carnitina, bioflavonoidi, arginina, ornitina, glutammina, acidi grassi polinsaturi, betacarotene, luteina, licopene, resveratrolo, coenzima Q10 e glutatione.

  • 4 6
    Credits: Shutterstock

    Gli integratori antietà non vanno acquistati a caso ma solo sotto consiglio medico perché è l'unico in grado di analizzare e venire incontro alle nostre esigenze e al nostro stato di salute. Alcuni esempi? Se necessitate di una forte azione antiage vi potranno prescrivere integratori a base di sostanze come il resveratrolo o le antocianine che hanno effetti antiossidanti in grado di contrastare i radicali liberi.
    La vostra pelle è secca a causa della menopausa e della carenza di estrogeni? In questo caso sono efficaci gli integratori a base di vitamina A e E che contribuiscono a rendere la pelle luminosa. Per contrastare il fotoinvecchiamento sono utili invece sostanze come rame, zinco o selenio. Ma non devono mancare i bioflavonoidi, i fitoestrogeni o gli isoflavoni di soia. Insomma deve essere un esperto a dirvi ciò di cui ha bisogno la vostra pelle e il fai-da-te è sempre sconsigliato. Soprattutto se si parla della vostra salute.

  • 5 6
    Credits: Shutterstock

    I benefici estetici degli integratori antietà sono naturalmente subordinati ad un uso costante (almeno 3 mesi) ma non prevedono la scomparsa delle rughe più accentuate, risolvibili solo attraverso interventi invasivi di chirurgia estetica. Però l'efficacia antirughe è massima negli individui interessati dai primi segni di invecchiamento dove l'uso costante dell'integratore può favorire un effettivo appianamento delle rughe più sottili, migliorando la compattezza della pelle.

  • 6 6
    Credits: Shutterstock

    'Abbuffarsi' di integratori ma decidere di mangiare junk food non ha alcun senso. Gli antiage che agiscono dall'interno riescono a svolgere a pieno la loro funzione solo se aiutati da una corretta e costante attività fisica e sostenuto da una sana alimentazione. Non fate l'errore di farvi mancare, nella dieta quotidiana, alimenti ricchi di Omega 3 come salmone e pesce azzurro in generale (sgombri, sardine...), frutta secca, olio e semi oleosi. Ma anche i frutti rossi che garantiscono un miglioramento della funzionalità del microcircolo e il melograno, un concentrato di giovinezza perché ricchissimo di antiossidanti come i flavonoidi e l'acido ellagico. Gli oligoelementi sono fondamentali per mantenere lo stato di benessere dell'intero organismo e assumere zinco e selenio attraverso la dieta non è difficile visto che è presente in frutti di mare, tonno e uova.

    Insomma: integratori sì, ma con buon senso e solo se avete intenzione di mangiare bene!

/5

Un'alimentazione completa e varia è sempre la soluzione migliore per fare scorta di tutto ciò che serve alla nostra pelle per mantenersi bella e giovane. Ma a volte non basta.

Con l'alimentazione assumiamo abitualmente vitamine, minerali, proteine, acidi grassi essenziali e antiossidanti indispensabili per il benessere della nostra pelle. In alcuni periodi della vita però, entrano in campo stress, stanchezza o anche solamente il cambio di stagione che però indeboliscono il nostro organismo che resta in questo modo più sensibile. Anche all'invecchiamento precoce. Può essere quindi utile aiutarsi con gli integratori anti-age, con una specifica azione antiossidante. Questi infatti consentono alla nostra pelle di mantenersi giovane.

Scoprite perché è importante assumerli!

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te