• Home -
  • Salute-
  • Non farti prendere dal male del viaggiatore

Non farti prendere dal male del viaggiatore 

È in grado di rovinare le vacanze nei Paesi esotici. Pochi ne sono immuni. Eppure è sottovalutata. Convinti che a noi non toccherà. Stiamo parlando della diarrea del viaggiatore. Scopri cosa fare per evitarla

di Alessandra Montelli
Credits: 

Photoshot

 

Nota come la “vendetta di Montezuma”, la diarrea del viaggiatore colpisce più del 50% delle persone che, dai Paesi Occidentali si recano nei Paesi esotici e non industrializzati (Asia, Africa, America Settentrionale).

Gli attacchi di malessere durano dalle 48 alle 72 ore e oltre. E possono essere accompagnati a: astenia, debolezza, meteorismo, febbre e vomito.
E’ proprio la differenza di condizioni igienico-sanitarie a determinare il disturbo: nei Paesi caldi è piuttosto facile essere contagiati da virus, batteri e parassiti, responsabili della diarrea del viaggiatore.

Tra i motivi meno accreditati, dal punto di vista medico, riscontriamo: lo sbalzo di temperatura e il fuso orario che comportano una lieve immuno-depressione nei viaggiatori occidentali. In altri termini, la flora batterica intestinale subisce uno squilibrio, che fa sì che i batteri patogeni prevalgano su quelli innocui, che vivono normalmente nell’intestino.

Per prevenire la diarrea del viaggiatore è utile seguire alcune regole di profilassi, come assumere precauzionalmente fermenti lattici prima della partenza.

Ma la prevenzione principale è quella che si osserva sul luogo:
- evitare di mangiare cibi esposti all’aperto, meglio prediligere alimenti cotti;
- bere solo acqua potabile, preferibilmente imbottigliata;
- non mangiare frutta con la buccia
- non acquistare cibi presso i rivenditori ambulanti. Persino i dolci, per l’alto tasso di zucchero, sono a rischio contagio.
- lavarsi i denti con acqua potabile o minerale;
- non assumere bevande con ghiaccio.

E se ci si ammala?
Ai primi sintomi assumere fermenti lattici e probiotici.
Nella valigia non deve mai mancare un antibiotico specifico per i disturbi intestinali, che uccide i batteri. La rifaximina (prescrivibile) è quello più indicato.
Ricordarsi di bere acqua e bevande zuccherate, che servono a reintegrare i sali minerali persi. Seguire una dieta in bianco.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
 
 
salute/male-viaggiatore-cosa-fare$$$Non farti prendere dal male del viaggiatore
Mi Piace
Tweet