• Home -
  • Salute-
  • Psiche: il cibo come compensazione emotiva

Psiche: il cibo come compensazione emotiva 

Emozioni come tristezza e nervosismo, ma in alcuni casi anche euforia spingono ad iperalimentarsi fino ad ingrassare. Ne parliamo con lo psicologo

di Alessandra Montelli

Mangiare per compensazione psicologica è un disturbo del comportamento alimentare che, se spinto all'eccesso, può portare ad ad iperalimentarsi e quindi all'obesità psicogena, quella forma di sovrappeso non causata da motivi endocrini o genetici bensì psichici.

Pur essendo abbastanza frequente, l'emotional eating (l'espressione inglese che indica il disturbo), è meno conosciuto dell'anoressia e della bulimia nervose, ed è poco diagnosticato. «Si mangia tanto fino a scoppiare, come se si volesse riempire un vuoto emotivo che non dà pace» - spiega il Prof. Roberto Pani, docente di psicologia clinica presso l'Università di Bologna - «A differenza degli altri disturbi alimentari, l'iperalimentazione non è una vera e propria compulsione, ma è un'abitudine che paragona il cibo ad una forma di "soppressione" di emozioni (quali che siano). Nei vari manuali psichiatrici, inoltre, questo comportamento non è classificato come patologia, se non in associazione ad altri disturbi psicologici che portano a mangiare troppo per reazione a stress o ad eventi vissuti come pesanti».

 

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
salute/mangiare-cibo-compensazione-emotiva$$$Psiche: il cibo come compensazione emotiva
Mi Piace
Tweet