Lipostruttura: il prelievo che ringiovanisce 

Si preleva il proprio tessuto adiposo, lo si centrifuga e purifica, per ottenere una composto cellulare, altamente vitale, che viene iniettato nel viso. Ringiovanisce, stimola le funzioni vitali della pelle, ha un effetto duraturo.

di Alessandra Montelli  - 28 Dicembre 2012

La lipostruttura è una tecnica di medicina estetica di ringiovanimento del viso che si effettua con i derivati del tessuto adiposo.

"Si preleva il tessuto adiposo del paziente, attraverso microcannule, e lo si re-inietta nel viso", dice il Dottor Massimiliano Brambilla, Medico specialista in Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica.

Se si considera che il tessuto adiposo è una fonte inesauribile di popolazioni cellulari variegate, comprendiamo i potentissimi effetti di ringiovanimento che la lipostruttura ottiene sul viso. Il tessuto adiposo è composto da:

- adipociti, maturi (destinati a morire) e immaturi (cellule in via di formazione)
- c’è poi una frazione stomale composta da fibroplasti che contengono cellule ematiche, endoteliale e staminali.

Come funziona

La tecnica di lipostruttura consiste nel prelievo di questo tessuto adiposo, che viene successivamente centrifugato e purificato, per ottenere una popolazione cellulare molto frazionata e selezionata, che attecchisce meglio nelle zone dove viene reimpiantata, permettendo di ottenere gli effetti estetici desiderati.

Il prelievo del tessuto adiposo è rapido, viene effettuato in anestesia locale in qualunque area del corpo desiderata, anche se la parte interna del ginocchio è la zona più indicata. Si prelevano 3 cc di tessuto con un ago molto sottile, pari 18 gauche. Rispetto anche a 2 anni fa le microcannule sono molto più sottili.

Il tessuto adiposo prelevato viene centrifugato per essere poi iniettato con una goccia in quantità minima, pari a 1 cc, nella zona del viso su cui si vuole intervenire, con microcannule da 25 gauche, la stessa misura dell’ago con cui si inietta il filler all'acido ialuronico.

Una volta impiantato sul viso, si ottiene un attecchimento delle cellule, le quali daranno vitalità al viso. L’iniezione di 1 cc di questa “pappa” cellulare attecchisce per una quantità pari a 0,6 cc in modo definitivo, cioè letteralmente per la vita. Per far attecchire il restante 0,4 cc, si deve ripetere l’intervento a distanza di 3 mesi.
Durata dei risultati

Dipende dalla condizione della pelle di partenza. Per alcune pazienti basta una sola seduta; per altre l’intervento va fatto 2 volte all’anno; per altre ancora dopo 3 anni.

Un grosso vantaggio della lipostruttura è dato dal fatto che, iniettando cellule adipose proprie – centrifugate e purificate - si instaura un potente meccanismo vitale che origina una serie di sub-meccanismi che portano a stimolare la crescita di cellule situate in loco. Vengono stimolate le cellule che sono già presenti nel derma.
Si tratta quindi di una rivitalizzazione totalmente e realmente biologica.

È indicato per: pelli sofferenti, asfittiche, spente e dall’aspetto invecchiato. Va bene a qualsiasi età.
La lipostruttura ottiene ottimi risultati anche sulla pelle acneica.

Se invece si vuole ottenere un risultato voluminoso, si aumenta il volume stesso del tessuto adiposo (prelevato e centrifugato) e che dall’1 cc diventano di 3-4 cc, che vengono impianti più in profondità.

(Si ringrazia il Dottor Massimiliano Brambilla, Medico specialista in Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica, dirigente medico presso I’Irccs Policlinico di Milano, esercitante libera professione in Milano)

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
salute/medicina-estetica/lipostruttura$$$Lipostruttura: il prelievo che ringiovanisce
Mi Piace
Tweet