Ecco perché il seno va controllato a tutte le età 

 

 

C’è una forma di tumore al seno che può colpire anche prima dei 30 anni. Per questo è bene cominciare presto con l’autoesame

di Cinzia Testa, Mara Minoia
Credits: 

Corbis

 

Si chiama “triplo negativo”  la nuova forma di cancro al seno. E colpisce solitamente le donne giovani. Riguarda il 15-20 percento delle diagnosi ei sviluppa velocemente. Per questo a partire dai 20 anni bisogna imparare a conoscere il proprio seno, in modo da cogliere tempestivamente un nodulo molto piccolo. Questo vale sempre, anche per chi si sottopone a mammografia e ecografia. Attualmente l'unica soluzione è rappresentata dall’intervento chirurgico e dalla chemioterapia, ma sono in corso ricerche, sia per avere più chiarezza nei meccanismi, sia per trovare nuove opportunità terapeutiche.

In arrivo un nuovo farmaco

È sempre più concreta l’ipotesi che la causa sia un gruppo di cellule particolari, chiamate “cellule staminali del tumore della mammella”. Che si sviluppano bene quando nell’organismo è elevata una particolare sostanza infiammatoria. Da qui, la messa a punto di un principio attivo che è il frutto della ricerca italiana. E che blocca la produzione di quelle sostanze che nutrono le cellule staminali dannose per il seno. Gli studi sembrerebbero incoraggianti come hanno detto anche al congresso che si è appena tenuto presso l’Humanitas congress center. I ricercatori infatti hanno visto che Raparaxin, questo è il nome del principio attivo, insieme a un chemioterapico, riesce a frenare l’avanzare del tumore triplo negativo e a far sì che si possa operare. Visti questi risultati, prossimamente partirà un altro studio che coinvolgerà ospedali americani ed europei e sarà uno dei più vasti finora mai condotti sul tumore triplo negativo.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
 
 
salute/mese-prevenzione/Ecco-perche-il-seno-va-controllato-a-tutte-le-eta$$$Ecco perché il seno va controllato a tutte le età
Mi Piace
Tweet