Gli esami che ti permettono di scoprire in anticipo l’artrite reumatoide

Credits: Shutterstock
/5

L'artrite reumatoide si manifesta con dolore e rigidità articolare soprattutto a livello di mani, polsi e piedi: fai l'autotest e se hai dei dubbi chiedi al medico di prescriverti un'ecografia articolare

Rispetto a qualche anno fa, grazie alla possibilità di fare una diagnosi precoce, è possibile scoprire in anticipo l’artrite reumatoide, una malattia infiammatoria cronica che colpisce le articolazioni provocando dolore e rigidità articolare soprattutto a livello di mani, polsi e piedi. Oltre al consiglio di rivolgersi al proprio medico qualora si manifestino dolori alle articolazioni che non passano dopo due settimane, ti suggeriamo un test fai-da-te ed un esame clinico specifico utile a scoprire l'artrite reumatoide.  

Questo esame puoi farlo tu

Come evidenziato da recenti studi scientifici, più della metà delle persone colpite da artrite reumatoide evidenziano, nel primo anno, rigidità e disturbi localizzati alle mani. Prova a ripetere questo autotest almeno una volta al mese per tre mesi: qualora manifestassi uno dei disturbi qui sotto elencati, è consigliabile consultare uno specialista quanto prima.

1. Appoggia le mani sul tavolo e osserva se almeno tre dita sono gonfie.

2. Avvita il tappo di un barattolo: non hai nessuna difficoltà oppure non riesci tanto sono rigide le mani? Ti capita di non riuscire a muovere le mani nei primi 30 minuti quando ti svegli al mattino?

3. Stringi la mano a un familiare, come per salutarlo: non provi alcuna sensazione particolare oppure il dolore alle dita è così intenso da farti mollare la presa?

Questo esame puoi farlo in ospedale

Per eliminare ogni dubbio, puoi farti prescrivere una visita specialistica dal medico curante e rivolgerti al centro di reumatologia della tua città. L’esame più innovativo è l’ecografia articolare, una metodica ad ultrasuoni non invasiva che permette di individuare anche piccolissime zone colpite dalla malattia, che non si notano con la radiografia.

L'ecografia articolare inoltre è un esame super rapido. Per darti un’idea, in trenta minuti è possibile controllare le articolazioni delle mani e dei piedi, che sono le parti più a rischio. Niente a che vedere quindi con la risonanza magnetica, ovvero l’esame solitamente richiesto per confermare la diagnosi che, nello stesso tempo (cioè mezz’ora), esamina solo una mano.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te