Un olio contro il tumore 

Gli olii ricchi di acidi grassi omega-3 potrebbero essere un'arma importante nella prevenzione del cancro al seno

di Neva Ganzerla  - 08 Luglio 2010
 

Il pesce non fa bene solo al cervello.
Una recente ricerca afferma che potrebbe esserci una correlazione tra integratori di omega-3 e riduzione del cancro alla mammella.
 
I ricercatori del Fred Hutchinson Cancer Research Centre di Seattle hanno monitorato 35mila donne per diversi anni e hanno notato che le pazienti che assumevano regolarmente integratori alimentari di omega-3 avevano una riduzione delle possibilità di avere il cancro al seno del 32 per cento.
 
La diminuzione ha riguardato soprattutto il carcinoma duttale invasivo, il tipo più comune di tumore della mammella.
Secondo gli scienziati, gli acidi grassi omega-3 contenuti nei supplementi potrebbero ridurre il rischio di sviluppare questo tipo di tumore che cresce nelle cellule che rivestono i dotti del seno, responsabile fino all'80 per cento dei 45mila casi di cancro alla mammella diagnosticati ogni anno in Gran Bretagna.
 
"Può essere che la quantità di acidi grassi omega-3 degli integratori con olio di pesce sia superiore a quella normalmente assunta dalla maggior parte della gente nella dieta quotidiana" ha detto Emily White, che ha coordinato lo studio.
 
Gli acidi grassi omega-3 sono presenti nel pesce, soprattutto salmone, trota e pesce azzurro e nell'olio ottenuto da spremitura di semi di lino, adatto anche ai vegetariani o a chi non ama il pesce.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
salute/omega-3-acidi-grassi-prevengono-cancro-seno$$$Un olio contro il tumore
Mi Piace
Tweet