Caldo…e la pressione si abbassa: cosa fare?

Credits: Olycom
1 8

Quando fa molto caldo, la categoria più a rischio sono gli anziani, ma anche gli under 30 devono stare attenti.
 
«Essere sani e giovani infatti non mette al riparo da cali di pressione e svenimenti» - esordisce il cardiologo Antonio Rebuzzi, docente di cardiologia all'Università Cattolica di Roma che avverte: «Nelle ore più calde, oltre ad episodi di ipotensione, si rischia il colpo di sole e questo non vale solo per gli anziani. Anche i più giovani, che escono per sport, diletto o per andare al lavoro, dovrebbero avere sempre con sé acqua e integratori, altrimenti se si suda troppo si rischiano scompensi cardiaci, specie per chi già soffre di tachicardia, fibrillazioni atriali, ernie iatali».

Vediamo cosa fare e non fare per evitare che la pressione arteriosa scenda troppo.

/5

Caldo e afa nemici del benessere generale. Non basta essere in buona salute per evitare i cali di pressione

Si può definire ipotensione la condizione clinica in cui, nella misurazione della pressione sanguigna arteriosa, si rileva una massima inferiore ai 100mmHg, poiché i valori riconosciuti come normali nella popolazione sana oscillano fra i 110-130 mmHg di sistolica.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te