Sai ciò che bevi? 

Alla scoperta delle proprietà benefiche delle bevande.

Oggi ci occupiamo di un tema a nostro parere super interessante: le proprietà - speriamo benefiche - di quello che beviamo.
Astemie e senza aver mai bevuto una tazza di caffè in vita nostra, iniziamo dalla nostra favorita: il the.

Il The:
Nero, verde, bianco, rosso, affumicato, aromatizzato, etc etc... ce n'è veramente per tutti i gusti.
Ricco in polifenoli, è riconosciuto che il the ha numerose proprietà benefiche per l'organismo: aiuta a prevenire l'invecchiamento e i problemi cardiaci (per questa funzione, più se ne beve meglio è. Secondo uno studio olandese ne servono almeno 4 tazze al giorno; stimola le difese immunitarie e aiuta a combattere le infezioni; aiuta a tenere basso il livello del colesterolo LDL; protegge dalla placca dentale; rinforza le ossa; il the verde stimola il metabolismo per cui aiuta a bruciare calorie. Secondo alcuni studi, ma sono molto discussi, il the aiuterebbe a prevenire alcuni tipi di tumori. Infine, il the idrata; sembra una sciocchezza ma non è cosa da poco.

Caffè:

le varietà sono numerosissime così come i modi per berlo (ci scusino qui le puriste dell'espresso) e numerose le sue proprietà tra cui spiccano quelle antiossidanti. Chi beve caffè parrebbe più protetto dal rischio di diabete 2 - anche qui conta la quantità, sei o sette tazze al giorno di quello americano - dal Parkinson e dalla demenza, così come i bevitori di caffè presentano meno casi di alcuni tipi di tumore, aritmie cardiache e ictus. Tra i non benefici, contiene caffeina, in grandi quantità, che può portare ad un aumento della pressione sanguigna e dell'adrenalina e contiene acidi che possono peggiorare il bruciore di stomaco.

Bevande alcoliche:
secondo numerose ricerche è l'alcol di per sè ad avere proprietà benefiche per l'organismo (SOLO SE CONSUMATO CON GRANDE MODERAZIONE) e non una specifica bevanda alcolica. Aiuta a prevenire le malattie cardiache perchè alza i livelli di HDL, il colesterolo "buono"; riduce la formazione di trombi, e contribuisce a prevenire i danni alle arterie causati dagli alti livelli di LDL (il colesterolo cattivo).

L'alcol ha anche numerosi effetti collaterali e se consumato in eccesso porta tra le altre cose all'aumento della pressione sanguigna, dei trigliceridi, danni al fegato, obesità, certi tipi di tumori, e indebolimento del cuore (cardiomiopatia). La regola assoluta nei confronti delle bevande alcoliche quindi è che vanno consumate con estrema moderazione e non bisogna assolutamente iniziare a berne sperando così di prevenire malattie cardiache. Un riferimento sensato per le donne è di consumarne una porzione al giorno, che per la birra si traduce in 355ml, 148ml per il vino e 44ml per super i super alcolici.

Per gli uomini, tendenzialmente più pesanti e con maggiori quantità di un enzima che metabolizza l'alcool, la razione si raddoppia: due porzioni al giorno.
Una nota sul vino rosso: è ricco di antiossidanti, in particolare flavonoidi e polifenoli, tra questi il resveratrolo contenuto nella buccia dell'uva si ritiene abbia azione antiinfiammatoria e di fludificazione del sangue e secondo alcuni anche antitumorale.

Succhi di frutta:
Di albicocca, mango, ananas, arancio, pera, mela, pesca, uva etc etc etc le possibilità sono quasi infinite.
Sarebbe preferibile evitare quelli a "base di succo di frutta", tendenzialmente poco naturali e carichi di zuccheri, e privilegiare quelli 100% frutta.
Il succo di ananas per esempio è ricchissimo in vitamine e contiene numerosi minerali essenziali per il sistema digestivo, stimola il fegato, da sollievo nel caso di disordini intestinali ed ha proprietà diuretiche.
Succo di mango: ricco in vitamine, minerali e fibre, è una ottima fonte di vitamina A e C e di ferro.

Succo di uva: è ricco di resveratrolo e si ritiene abbia gli stessi benefici del vino - senza gli effetti collaterali - per la difesa del cuore.

Acqua:
Chiudiamo con lei, la regina dei drinks. L'acqua. A cosa serve: è la componente principale del nostro corpo - quasi il 60% del nostro peso è costituito da acqua e ogni sistema del nostro corpo dipende da lei - dall'eliminazione delle tossine al portare nutrimento alle cellule. Ogni giorno se ne consuma respirando, andando in bagno, e sudando e per poter funzionare correttamente bisogna reintrodurla.

La domanda da 1 milione di dollari è quindi quanta bisognerebbe berne al giorno e la risposta è di quelle terribili: dipende dal proprio stato di salute, dal livello di attività fisica, da dove si vive, e recenti richerche mediche hanno svelato che trasformarsi in cammelli in realtà non è così utile quanto si pensasse. Quello che bisogna fare è reintrodurre i fludi persi ed una regola generale è che le donne dovrebbero assumerne 2,2l al giorno, che diventano 3 per gli uomini e ciò tra cibo (che porta una media del 20% del fabbisogno giornaliero - frutta e verdura sono ricchissimi di acqua), acqua pura, e altre bevande.  

La conclusione è che per funzionare correttamente abbiamo bisogno di essere adeguatamente idratati ma parrebbe che bere tanta acqua non porti quei benefici in termini di benessere e bellezza che si era pensato finora.

Nota importante: il discorso si applica a persone senza alcuna patologia particolare, perchè ad esempio in caso di problemi renali la questione del consumo di acqua è critica.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
salute/proprita-benefiche-bevande$$$Sai ciò che bevi?
Mi Piace
Tweet