Dipendenza da gioco: cosa fare?  

Ludopatia, un problema spesso invisibile. Guarire, tornare a sorridere e costruire la propria vita è un diritto

di Maddalena De Bernardi
Credits: 

shutterstock

 

All'inizio magari si prova per gioco, senza troppe aspettative: il tempo di una pausa o un resto da spendere subito per sfidare la fortuna, tuttavia la dipendenza diventa ben presto una spirale in grado di schiacciare senza pietà. Debiti, ansia, sintomi a livello fisico e psicologico uccidono la libertà personale distruggendo intere famiglie, spesso nel silenzio generale. Perché, purtroppo, della ludopatia e dei suoi terribili effetti ancora oggi si fa fatica a parlare, esporsi, condividere il dramma.

 

I DATI

Secondo i dati dell’Osservatorio Gioco Online del Politecnico di Milano, in collaborazione con l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, la spesa dei giocatori on-line in Italia nel 2015 è aumentata del 13%, raggiungendo la cifra di 821 milioni di euro. Negli ultimi 12 mesi il settore dei casinò online ha visto un incremento del 27%: oggi occupa in media il 40% del mercato totale, mentre le scommesse sportive scendono al 32%. Sono in calo le percentuali riguardanti il poker online, cresce l’utilizzo dei casinò online. Le slot-machine costituiscono il 60% dell'intera spesa del settore, crescono del 12% i giochi della roulette.

Ci troviamo in una una fase di forte instabilità economica: la crisi ha cancellato posti di lavoro, equilibri familiari e, in molti casi, la speranza di un miglioramento della propria vita. Il gioco diventa la possibilità di un sogno, purtroppo destinato a trasformarsi in un incubo. Iscriversi ai numerosi siti di scommesse appare molto (troppo!) semplice e in questo senso la tutela nei confronti dei minori appare terribilmente insufficiente.

 

AFFRONTA IL PROBLEMA

Smetti di ignorare il problema e inizia a affrontare la situazione in cui ti trovi. Che cosa sta accadendo? Accetta di guardare la tua vita con onestà. Uscire dall'isolamento significa vedere e condividere ciò che stai vivendo, con consapevolezza. Farsi aiutare da uno specialista e trovare una rete di sostegno in grado di accompagnarti in questo momento è ciò che può fare la differenza. Attenzioni ai sintomi: il processo che conduce alla ludopatia di solito avviene in un arco di tempo considerevole, è fondamentale prestare attenzione ai segnali.

 

LUDOPATIA, I SINTOMI

A livello fisico possono manifestarsi disturbi alimentari, mal di testa ricorrenti, nervosismo, ansia, attacchi di panico, palpitazioni, tremori. Tentativi di trovare scuse e situazioni legate a debiti non vanno ignorate. Uno stato di agitazione accompagnato da comportamenti ossessivi e sensi di colpa può comunicare che ci troviamo di fronte a un problema di dipendenza da gioco. Sul piano psicologico e sociale problemi lavorativi, liti in famiglia e problemi nella gestione del denaro possono condurre all'isolamento e denunciare una situazione di difficoltà crescente. Uscire dalla solitudine e iniziare a parlare di sé favorisce il cambiamento, di vitale importanza per dare una svolta alla propria vita.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
salute/psiche-e-benessere/dipendenza-da-gioco-cosa-fare$$$Dipendenza da gioco: cosa fare?
Mi Piace
Tweet