• Home -
  • Salute-
  • Giovani: bocciati in educazione sessuale

Giovani: bocciati in educazione sessuale 

La maggior parte dei ragazzi tra i 15 e i 24 anni basa le sue abitudini sessuali su leggende metropolitane e credenze al limite del ridicolo. Il risultato? Aumento dei contagi sessuali e delle gravidanze indesiderate

di Neva Ganzerla  - 28 Settembre 2010
 

Disinformazione, disinteresse e incoscienza. Il quadro che emerge da un'indagine internazionale sul rapporto tra sesso e giovani è spaventoso.
 
Dei 5.253 ragazzi coinvolti (maschi e femmine sessualmente attivi, tra i 15 e i 24 anni) quasi la metà confessa di non fare abitualmente sesso sicuro, il 25 per cento in più rispetto al 2009.
 
E il risultato lo si nota sia sul piano delle gravidanze indesiderate, che su quello dei contagi sessuali.
 
I ragazzi sono disinformati e per proteggersi si basano su dicerie e leggende a dir poco fantasiose.
Ecco alcuni esempi: un terzo dei giovanissimi di tutta europa ritiene il coito interrotto un metodo contraccettivo efficace, il 18 per cento delle ragazze svedesi crede che sia sicuro fare sesso durante le mestruazioni, per il 35% dei ragazzi turchi fare un bagno o una doccia dopo il rapporto è sufficiente a evitare problemi.
 
Non solo ignoranza purtroppo, ma anche incoscienza: il 36 per cento di chi ha avuto rapporti sessuali, ha più volte dimenticato di usare precauzione perchè era sotto l'effetto di alcool o droghe.
 
Queste pessime pessime abitudini dei giovani hanno come risultato che il 36 per cento delle femmine e il 21 per cento dei maschi ha almeno un amico o un parente che ha vissuto l'esperienza una gravidanza indesiderata.
 
Solitamente "Una gravidanza su due non è pianificata" sottolinea Alessandra Graziottin, a capo del Centro di ginecologia e sessuologia medica dell'ospedale San Raffaele Resnati di Milano "E la quota di pancioni a sorpresa schizza all'85 per cento fra le adolescenti, che in questi casi abortiscono 8 volte su 10".
"Solo nel 2008" evidenzia l'esperta "In Italia sono nati 10.194 bambini da madri adolescenti e si sono registrati 4.075 aborti fra le minorenni".
 
La situazione è buia anche per quanto riguarda le malattie sessualmente trasmissibili: "A Milano si registra un caso di sifilide al giorno e l'Hiv è la seconda infezione più diffusa fra i 14-24enni", avverte Graziottin.
 
Per proteggere i giovani e condurli verso una vita sessuale appagante e sana, è fondamentale che siano la famiglia e la scuola a operare in sinergia per fornire le corrette informazioni.
 
Senza dimenticare che i consultori di zona sono a disposizione di tutti i cittadini, sia per informazioni che per visite mediche specialistiche.
 
Per trovare quello più vicino visita il sito o rivolgiti all'informagiovani della tua città.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
salute/sesso-adolescenti-aids-gravidanza-inesiderata-aborto$$$Giovani: bocciati in educazione sessuale
Mi Piace
Tweet