Con la distanza accendi l'eros 

Sono ormai tante le coppie che decidono di non abitare sotto lo stesso tetto. Una scelta che risveglia la passione. Dice l'esperta

di Flora Casalinuovo  - 17 Aprile 2007
Tag: afrodisiaci

Mai sotto lo stesso tetto. È questa la parola d'ordine del milione di italiani che, pur avendo da tempo un compagno o una compagna fissa, scelgono comunque di vivere ognuno nella propria casa. Una tendenza in ascesa e che ora, dopo il recente rapporto della Società di statistica, ha anche un nome: "Living apart together", in pratica vivere distanti restando insieme. Ma dormire in case diverse fa bene all'eros? Abbiamo girato la domanda a Veronica Vizzari, psicoterapeuta e sessuologa dell'Istituto di sessuologia clinica di Roma.

"Se la scelta è condivisa da entrambi i partner, questo stile di vita si rivela un potente afrodisiaco perché i momenti intimi possono essere scelti con cura e vissuti appieno, in modo totalizzante". Coccole e incontri tête à tête non si devono incastrare tra caos, impegni casalinghi e problemi quotidiani. "Non abitare insieme, infatti, vuol dire lasciare lo stress e le incombenze fuori dalle lenzuola" spiega la sessuologa. "Così ci si può dedicare al marito o al fidanzato quando si ha veramente tempo. E, soprattutto, tanta voglia". Un aspetto che ha i suoi vantaggi. "Il primo? Si riesce a organizzare al meglio l'incontro facendo attenzione ai dettagli di questi momenti, come l'atmosfera, l'ambiente o la lingerie che si indossa" commenta l'esperta.

"In un contesto rilassato e sereno, poi, sarà facile lasciarsi andare alla fantasia e ai desideri inconfessati. Per esempio, diventerà spontaneo concedere più tempo ai preliminari, regalando al partner un massaggio hot o proponendogli di sperimentare nuove posizioni". E anche i sessuologi consigliano di ispirarsi a questo stile di vita per rinvigorire il rapporto. "Ma, sia chiaro, non voglio suggerire a coppie che stanno insieme da anni di andare a vivere in case diverse" precisa Vizzari. "Però potrebbe essere interessante copiare la filosofia del "Living apart together": tornare a fare i fidanzati, ricorteggiarsi un po' e non soffocare la sessualità dentro l'abitudine e il tran tran. In fondo, basta poco. Magari perché non proporre al marito o al fidanzato di andare a dormire per qualche sera a casa di amici? La lontananza riaccenderà sicuramente il desiderio e quando ci si ritroverà nella stessa camera sarà come incontrarsi per la prima volta. Perché la "separazione fisica" invoglierà lui e lei a cercarsi con maggiore desiderio". E il sesso sarà tutta un'altra storia.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
salute/sesso/con-la-distanza-accendi-l-eros$$$Con la distanza accendi l'eros
Mi Piace
Tweet