Insicuro tra le lenzuola 

Alma è innamorata. E tutto sarebbe meraviglioso se quest'uomo
non le chiedesse mille conferme su quanto è bravo a letto

di Gianna Schelotto  - 05 Gennaio 2005

«Stanca di una solitudine che durava da tempo e con nessuna voglia di storie passeggere, mi sono rivolta a una seria agenzia matrimoniale. Non mi aspettavo di incontrare il grande amore, ma almeno di conoscere persone che avessero il mio stesso obiettivo. Mi hanno proposto diversi uomini che non mi piacevano, poi è arrivato Giorgio. È stata una sorpresa per entrambi, un colpo di fulmine. Molto presto ci siamo dimenticati del modo in cui ci siamo conosciuti e abbiamo cominciato una storia piena di emozioni e batticuore. Abbiamo fatto l'amore dopo due mesi in una sera molto romantica e speciale. Tutto è andato meravigliosamente e a me non è passato per la testa di elogiare la sua bravura o la sua prestanza fisica, anche se lui è stato prodigo di complimenti.

Forse si aspettava la stessa cosa da me. Sta di fatto che le volte successive, prima con timidezza, poi con modi sempre più espliciti, mi ha chiesto conferme. Non ho difficoltà a raggiungere l'orgasmo e quando provo piacere lo dimostro con tutta me stessa. Ma questo non gli basta: vuole sapere da me se è stato bravo, se la sua erezione mi soddisfa, se gli altri uomini che ho frequentato erano più dotati di lui. Io cerco di rassicurarlo, ma ogni volta, dopo l'orgasmo, invece di lasciarmi godere l'abbandono e la pace del dopo, mi tormenta con i suoi assillanti interrogativi. Rovinando un'armonia che potrebbe essere perfetta».
- Alma

Sono molti i motivi che spingono le persone a rivolgersi a un'agenzia matrimoniale. Nel suo caso è stata la solitudine, ma chissà quali sono le ragioni per cui l'ha fatto il suo compagno. A giudicare dal suo racconto credo che sia stato un forte bisogno di conferme. È possibile che prima di lei quest'uomo abbia conosciuto donne esigenti, o che abbia avuto esperienze che lo hanno frustrato, fatto sentire meno virile. Forse un addio particolarmente umiliante. Certo è che adesso, per convincersi di meritare l'affetto e il desiderio di una compagna, ha bisogno di essere rassicurato. È come se non potesse credere alla fortuna di avere incontrato una donna che gli piace e alla quale piace.

E così, per sentirsi desiderato,  chiede continuamente parole di apprezzamento. Capisco, però, che lei sia turbata dalla sua insistente richiesta di conferme. E non credo che sia solo perché, con i continui dubbi circa la propria virilità, lui non le permette di godersi fino in fondo l'abbandono del dopo orgasmo. Penso piuttosto che la fragilità di quest'uomo le impedisca di vivere quella storia d'amore che ha tanto a lungo sognato. Ma deve solo pazientare un po': gli dia il tempo di acquistare fiducia in lei e in se stesso. E vedrà che, quando avrà finalmente ritrovato sicurezza, non le chiederà più questo tipo di conferme.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
salute/sesso/insicuro-tra-le-lenzuola$$$Insicuro tra le lenzuola
Mi Piace
Tweet