Paese che vai, sesso che trovi!

  • 1 11
    Credits: Ansa

    Breve viaggio nelle usanze e nei costumi sessuali e amorosi più strani del globo terrestre
    Durante la festa in onore degli spiriti che si tiene ogni anno in Costa D'Avorio, le donne di alcune tribù si purificano al fiume e si accoppiano con gli uomini, dedicando l'amplesso agli spiriti. Al rito partecipa tutto il villaggio.

  • 2 11
    Credits: Ansa

    Le donne della popolazione bidjogo, in Guinea-Bissau, hanno il controllo totale della propria vita sessuale, e decidono autonomamente quando e se avere rapporti con gli uomini. Possono anche scegliersi il marito e abbandonarlo in qualsiasi momento, buttando fuori dalla capanna i suoi oggetti personali.

  • 3 11
    Credits: Lapresse

    In Cina, dove ha fatto scalpore la demolizione di un parco educativo dedicato al sesso (considerato scandaloso dalla popolazione locale), il sesso è un grande tabù. Se ne parla pochissimo, anche se nel 2003 il governo ha tolto la censura sulle informazioni sessuali reperibili via Internet.

  • 4 11

    Le donne dei Mosuo, una popolazione che vive in Cina, sono sessualmente libere: possono scegliere con chi avere rapporti e non sono tenute al matrimonio. Le coppie, anche di lungo termine, non vivono insieme ma continuano a vivere nelle rispettive case familiari, dove vengono cresciuti anche i bambini che risultano dall'unione. Tra i Mosuo non esiste una preferenza per i maschi o per le femmine, ma si cerca (anche tramite l'adozione) di mantenere l'equilibrio fra i sessi nelle famiglie.

  • 5 11
    Credits: Lapresse

    I giapponesi sono molto pudichi (non è considerato accettabile nemmeno baciarsi in pubblico), e allo stesso tempo, forse per diretta conseguenza, sono uno dei paesi dove l'industria del sesso è più diffusa. Qui le coppie possono prendere in affitto camere a ore nei "Love hotel", e la pornografia è diffusissima. Le spogliarelliste vengono ispezionate dai clienti nei dettagli più intimi, anche con lenti d'ingrandimento e lampadine. La contraddizione potrebbe derivare dal conflitto fra il confucianesimo (che considera il sesso un fattore di disturbo dell'ordine sociale) e lo scintoismo, che considera la castità una follia.

  • 6 11

    La pratica di vestire ed educare i bambini come se appartenessero al sesso opposto al proprio è comune anche fra gli inuit.

  • 7 11
    Credits: Lapresse

    Gli Amish riconoscono l'adolescenza come un periodo di passaggio e di ribellione. Dai sedici anni finché non decidono di accettare il battesimo, gli adolescenti Amish entrano nel cosiddetto "Rumspringa", ossia il periodo delle scappatelle, in cui i comportamenti "sperimentali" vengono trattati con indulgenza.

  • 8 11

    I Mormoni, religione autoctona statunitense in rapida espansione all'estero, hanno divieti stretti sul sesso orale e "innaturale" (definizione piuttosto ampia ed aperta ad interpretazioni), e sono tenuti ad indossare giorno e notte degli speciali indumenti intimi coprenti.

  • 9 11

    In Polinesia non è raro che i genitori che hanno solo figli maschi decidano di vestirne uno da bambina e di crescerlo come femmina. L'omosessualità e il transgenderismo non sono considerati una devianza, ma sono bene accetti.

  • 10 11

    In alcune zone rurali dell'Albania esistono le "vergini giurate", donne che vivono come uomini e giurano verginità eterna. In cambio, hanno un posto di preminenza in società e possono decidere per se stesse, ereditare e gestire patrimoni e vivere da sole.

  • 11 11
    Credits: Lapresse

    In India, continente che ci ha dato il Kama Sutra e il sesso tantrico, il piacere sessuale è ancora socialmente confinato al matrimonio. Il pudore è tale che nei film di Bollywood l'atto sessuale e i baci vengono sostituiti con danze e canti e gesti suggestivi (come infilarsi e sfilarsi i braccialetti!)

/5

Breve viaggio nelle usanze e nei costumi sessuali e amorosi più strani del globo terrestre

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te