Quel piacere tutto suo 

Rachela non capisce perché a volte il fidanzato voglia raggiungere l'orgasmo senza di lei. Ma il sessuologo la rassicura

di Maria Elena Barnabi  - 25 Maggio 2006

Che cosa succede quando una donna scopre che il suo partner prova il bisogno di darsi piacere da solo? A Rachela, una nostra lettrice, è successo di sentirsi vuota e inutile. E di chiedersi: non gli basta la nostra relazione? Perché sente questo desiderio? «Non è una cosa che riguarda solo gli uomini: tante donne si comportano così, anche se sono in un rapporto stabile» puntualizza il professor Emmanuele A. Jannini, sessuologo dell’Università dell'Aquila. «Questo perché il darsi piacere da soli è una cosa del tutto normale: lo pratica il 99 per cento dei mammiferi. Ed è un atto che fa bene: aiuta a conoscersi meglio, regala momenti di piacevole intimità con se stessi, aumenta e migliora la circolazione sanguigna degli organi genitali».

Per quanto riguarda gli uomini poi sembra che ci siano anche dei motivi fisiologici. «Con la masturbazione c'è un ricambio del liquido seminale prodotto dalla prostata» spiega l’esperto. «Così si evitano i ristagni che potrebbero portare alle degenerazioni tipiche del tumore di questa ghiandola. Ecco spiegato perché la natura ha fatto sì che gli uomini sentano questo impulso abbastanza di frequente. E se non provvedono da soli, ci sono sempre le polluzioni notturne». Al di là delle spiegazioni scientifiche, resta comunque il fatto che per molte donne accettare che il compagno cerchi il piacere da solo è difficile. Credono di non saper creare con lui la vera intimità, quella perfetta e totale. Molte poi pensano che questo modo di comportarsi sia infantile e immaturo, come se nascondesse la voglia di rintanarsi in un mondo privato, dal quale si sentono completamente escluse.

«È comprensibile sentirsi messe da parte, soprattutto quando, a differenza di lui, ci si sente completamente appagate dal sesso a due» riprende Emmanuele A. Jannini. «Ma se il partner è comunque sempre desideroso di fare l'amore, cioè non preferisce il piacere solitario a quello di coppia, allora forse bisogna essere un po' più comprensive. Perché in questo caso la masturbazione non toglie niente al rapporto. È solo l’espressione libera di una parte della sessualità, che ognuno ha diritto di vivere come vuole, in modo anche privato. In fondo la vera intimità nasce dal rispetto. Dal fatto che siamo in grado di accogliere l'altro, senza giudizio. Anche quando si comporta in modo diverso da come vorremmo».

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
 
 
salute/sesso/quel-piacere-tutto-suo$$$Quel piacere tutto suo
Mi Piace
Tweet