Quella nuova voglia di gadget 

I giocattoli erotici destano curiosità. Ma i sexy shop sono così poco invitanti... L'alternativa? Le boutique del piacere. Eccole

di Maria Elena Barnabi - 13 Aprile 2005

Negli Stati Uniti moltissime donne hanno il loro "massaggiatore personale", insomma un vibratore. E ne parlano senza troppa vergogna. «Certo, sono un popolo pragmatico, hanno manuali e soluzioni pratiche per tutto. Anche per il sesso» spiega Chiara Simonelli, psicosessuologa dell'università La Sapienza di Roma. «Ma anche da noi cresce la curiosità per i gadget erotici. Che possono far sentire orgasmi più intensi e regalare stimoli nuovi». Oggi appagare questa curiosità è più facile. Accanto ai soliti (e, ammettiamolo, squallidi) sexy shop stanno nascendo, anche nel nostro Paese, i negozi "women-friendly", pensati cioè per il pubblico femminile.

Non vendono pornografia volgare. Ma propongono vibratori e stimolatori dalla linea sofisticata, oltre a letteratura erotica e biancheria maliziosa. Il tutto presentato con il delicato buon gusto tipico delle donne. Il primo in Italia è stato il Sexy Shock di Bologna (www.ecn.org/sexyshock): oltre a vendere gadget erotici organizza campagne di educazione sessuale. Il negozio si sta trasferendo e la nuova sede, sempre a Bologna, sarà pronta a settembre, ma già da giugno si potranno fare acquisti su Internet.

A Milano si può andare da Corso Como 10 (corso Como 10, Milano, tel. 02654831), un negozio di tendenza che tra cd e mobili firmati propone anche vibratori più simili a oggetti di design che a gadget tecnologici. Ma si può anche fare shopping sui siti Internet delle migliori boutique dell'eros. Eccole. Coco de mer a Londra (23, Monmouth Street WC2H 9DD, tel. 00442078368882, www.coco-de-mer.co.uk): propone vibratori in gomma ecologica e mascherine in seta di Hermès. Myla a Londra (77, Lonsdale Road, Notting Hill, W11 2DF, tel. 00442072219222, www.myla.com): per Myla il designer Tom Dixon ha creato il famoso vibratore "Bone", un oggetto di culto super richiesto, perché è stato il primo di design.

Yoba a Parigi (11, rue du marché St-Honoré 75001, tel. 0033140410406, www.yoba.fr): i pezzi forti sono il tanga in caramelline di zucchero e le palline del piacere cinesi, tra i gadget erotici femminili più venduti.  Pleasure Chest a New York (156, Seventh Avenue South, 10014, tel. 001212 2422158, pleasurechesttoys.com): amatissimo dalle dive (Gwyneth Paltrow è stata fotografata mentre usciva con una busta piena di sexy gadget), offre vibratori colorati e divertenti che hanno le sembianze di delfini e cavallucci marini. E stimolatori clitoridei a forma di farfalla che funzionano con... il telecomando!

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
 
salute/sesso/quella-nuova-voglia-di-gadget$$$Quella nuova voglia di gadget
Mi Piace
Tweet