Consigli di coppia: tratta il tuo uomo come il tuo cane

Credits:
1 6

La prima cosa che la psicologa fa notare è che spesso sembra che gli animali domestici siano prevedibili e che non ci chiedano niente in cambio del loro affetto, fatti che apprezziamo e che ci rilassano molto.

Però, se guardiamo il nostro rapporto con loro più attentamente, ci accorgeremo che il loro comportamento non è così lineare (quante volte hanno combinato qualche bravata?), che con loro l’idea di prevedibilità – dicesi anche "routine" – non annoia né ci crea problemi come con il partner (anzi, ci conforta), e che ci chiedono di soddisfare dei bisogni specifici, come procurare loro cibi particolari, svegliarci presto la mattina per portarli a spasso e via dicendo.

E doverlo fare non ci pesa affatto, ci viene naturale, semplicemente perché li amiamo così come sono.

Secondo la Phillips, in questo ambito si applica molto bene il principio di “ricevi ciò che dai”: è quello che diamo di positivo nella relazione che la rende così speciale e piacevole, e non il fatto che il cane o il gatto (o il partner) siano esseri meravigliosi, come sicuramente sono. In altre parole: se diamo il meglio, riceviamo il meglio.

Partendo da questi presupposti, ecco 5 ispirazioni che possiamo trarre dai “bau” e “miao” dei nostri animali domestici, e che dovremmo cercare di riportare anche nella nostra vita di coppia.

/5

Cani e gatti possono insegnarci molto sulle relazioni e l’amore: 5 consigli che gli animali domestici possono dare alle coppie

Vuoi migliorare la tua vita di coppia? Tratta il tuo uomo come un cane. Ovvero: tutt’altro che male.

Mi spiego meglio: recentemente la psicologa Suzanne Phillips ha pubblicato un articolo sul network Psychcentral, Can pets improve our relatioship, mostrando come il modo in cui ci comportiamo con cani e gatti, e l’affetto che ci danno, possano fornire spunti preziosi per migliorare le nostre relazioni di coppia.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te