In estate si tradisce di più. Ed è una cosa seria

Credits: Photoshot
/5

Un sondaggio rivela i retroscena delle scappatelle estive: Chi tradisce, dove, come, perché e soprattutto con chi

Se la primavera segna il risveglio dei sensi, l'estate rappresenta il trionfo della sensualità, della libido... e della lussuria, compresi i tradimenti. Le avventure di una notte di mezza estate, insomma, non sono un cliché, ma una realtà consolidata, che vive all'ombra di palme e ombrelloni e delle relazioni "ufficiali".

Ma quali sono i retroscena delle scappatelle estive?  

A questa domanda risponde un recente sondaggio condotto dello IES - Istituti di Evoluzione Sessuale - su 3000 persone, uomini e donne dai 18 ai 50 anni, che evidenzia dati interessanti, soprattutto per chi vuole capire se è a rischio tradimento, come evitarlo o come scoprirlo.

Quando si tradisce?

"Quando il gatto non c'è, i topi ballando": il 65% degli intervistati tradisce durante l’assenza o la lontananza, momentanea o duratura del/della partner, che viene considerata come un'ottima occasione per combianre qualche marachella e passarla franca. Ma c'è anche un 35% che tradisce comunque. Il dato sorprendete? Tra gli impenitenti recidivi 3 su 5 sono donne!

In estate si tradisce di più? Secondo 4 persone su 5 è vero. Alcuni (il 52% degli uomini e il 33% delle donne) è convinto che lo si faccia per colpa di un qualche incantesimo erotico di stagione, mentre il 30% degli uomini e il 48% delle donne è convinto che si tradisca solo quando la coppia è in crisi. Insomma, sotto il sole si è più disinibiti e sensibili al fascino di altri potenziali partner, ma le donne sono più propense a controllarsi, e cedono solo se la relazione attuale è problematica.

Perché si tradisce in estate? - A istigare i tradimenti sarebbe, per il 33% degli uomini, la visione irresistibile di corpi svestiti, in spiaggia come in città, mentre il 40% delle donne cede se si sente desiderata, protagonista di un incontro "magico". E forse questo alleggerisce le colpe dei colpevoli, perché, come spiega Alberto Caputo, Direttore Scientifico dello IES, "conferma una regola biologica: gli uomini sono esseri “visivi”, hanno bisogno di stimoli concreti e definiti. Le donne preferiscono essere corteggiate e sedotte". Insomma, in estate i punti deboli diventano un po' più deboli che nel resto dell'anno, quindi: se volete evitare il tradimento, scoprite qualche cm di pelle in più, e, uomini: fateci sentire desiderate!

Quelli estivi sono veri tradimenti? Per il 64% sì. Anche una scappatella estiva è una faccenda seria, se non per la storia di per sé, per quello che significa per la relazione attuale: se si viene scoperti non sono alte le possibilità di passarla franca. C'è poi un 24% per cui si parla di tradimento solo se la frequentazione prosegue dopo le vacanze. Infine, c'è lo zoccolo duro (il 15% degli uomini e ul 9% delle donne) per cui, se si tradisce da giugno a settembre, si tratta di evasioni insignificanti, al pari di uno sport estivo.

Con chi si tradisce d’estate? In deciso ribasso i bagnini (2%) e gli istruttori di surf (3%), ma per le donne il grande classico dell'animatore non accenna a tramontare, come per gli uomini la figura della bella vacanziera solitaria. Per conoscere un potenziale l'amante, le donne preferiscono il romanticismo di un viaggio, e gli uomini i locali notturni. E chi resta in città? Si concentra sui colleghi, ovviamente approfittando degli uffici semideserti e della casa libera... "Attenzione a tutti, direi", scherza - ma non troppo, il sessuologo.

E se si viene scoperti? Negare, negare sempre, anche l’evidenza… lo dice ben il 74% dell’intero campione, senza differenze trai sessi. Il 20% delle donne è disposto ad ammettere solo se anche lui confessa, ma tra gli uomini non lo farebbe più del 10%. E il perdono? Anche quello, negarlo sempre (51%); solo il 15% degli uomini e il 10% delle donne è disposto ad assolvere il partner. "Sono tutti pronti a tradire e negare, ma anche non perdonare se il tradimento lo si subisce…", commenta Caputo.
Ma come va a finire?
Per il 36% del campione, nella maggior parte dei casi si tratta di avventure isolate, mentre il 25% terrebbe il nuovo amante come souvenir da portare a casa, per proseguire la relazione clandestina anche dopo le vacanze... Qualcuno (il 20% delle donne e l’11% degli uomini) è convinto addirittura che la storia possa diventare una vera storia d’amore, "confermando quanto le donne siano inguaribilmente romantiche, anche quando si tratta di avventure estive".

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te