Vaccino per le allergie stagionali: come funziona e quando farlo 

Una terapia che mira a ridurre la sensibilità dei soggetti allergici ai pollini che scatenano eccessive reazioni indesiderate

di Alessandra Montelli

I medici consigliano il vaccino contro le allergie stagionali quando i disturbi sono molto fastidiosi, tanto da rovinare la qualità della vita.

Sicuramente il miglior consiglio per evitare le crisi allergiche è evitare l'esposizione alle sostanze allergizzante, ma non sempre è facile né prevedibile. Che ci si chiuda in casa o si viva all'aperto, è difficile stare lontano dagli allergeni responsabili della congestione delle vie aeree. I sintomi possono essere attenuati con l’assunzione di farmaci da banco, decongestionanti, antistaminici e spray nasali a base di cortisone.

In caso di allergie più gravi, i cui sintomi perdurano per periodi di tempo più lunghi e con maggiori effetti, è possibile effettuare una terapia desensibilizzante che mira a ridurre la risposta immunitaria dell'organismo all'esposizione con la sostanza colpevole. Si effettua attraverso diverse iniezioni di allergene diluito a concentrazioni crescenti, in modo che l’organismo si abitui alla sua presenza.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
 
 
salute/speciale-allergie/vaccino-allergie-stagionali$$$Vaccino per le allergie stagionali: come funziona e quando farlo
Mi Piace
Tweet