Alessio e Sara: nemici del fumo 

Arriva la nuova campagna didattica del Moige, rivolta ai bambini per allontanarli dal fumo e ridurre i numero dei giovani tabagisti

di Neva Ganzerla  - 11 Aprile 2011
Credits: 

genitori.it

 

L'adolescenza è un periodo difficile, ricco di contraddizioni e paure, ma anche caratterizzato dalla voglia di scoprire cose nuove, di sentirsi indipendenti e di trasgredire alle regole dei genitori.
 
È in questa fase della crescita che si iniziano a fare esperienze importanti, a volte anche rischiose; una di queste è l'incontro con il fumo.
 
La prima sigaretta infatti arriva molto presto tra i giovani; secondo i dati dell'ISS (Istituto Superiore di Sanità) raccolti nel 2010, la conta dei fumatori in Italia (11,1 milioni in totale) parte includendo anche la fascia d'età 15/17 anni.
Quasi un quarto degli adolescenti infatti fuma (il 21,7 per cento degli "over 15"), percentuale che si allarga al 34 per cento se si contano tra i fumatori anche i ragazzi che, senza avere il vizio conclamato, hanno provato a fumare almeno una volta.
 
Tra i fumatori di tutte le età, ben il 50 per cento ha dichiarato di aver iniziato tra o 15 e i 17 anni, e dei fumatori "under 24", 8 su 10 dichiarano i aver iniziato a fumare prima dei 18 anni.
 
Grave anche la quantità di sigarette consumate: quasi il 13 per cento dei minorenni ne fuma fino a 15 al giorno, mentre il 7,9 per cento arriva fino alle 24 al giorno, ma c'è un 1,3 per cento che ne consuma oltre 25.
 
Tra le ragioni che spingono i giovani ad accendersi la prima sigaretta c'è principalmente l'emulazione degli amici (73 per cento).
 
Anche gli atteggiamenti di genitori e parenti incidono negativamente sull'avvicinamento dei minori al fumo. Solo il 16 per cento degli adolescenti dichiaratisi fumatori non ha il permesso di fumare in casa, mente nel 47 per cento delle abitazioni italiane, i ragazzi possono fumare senza alcuna restrizione.
Grave l'atteggiamento dei tabaccai: 8 adulti su 10 dichiarano di non aver mai visto un tabaccaio rifiutarsi di vendere le sigarette a un minore di 16 anni o chiedere un documento per verificare l’età.
 
Per cercare di fermare il dilagarsi del tabagismo precoce, il MOIGE (Movimento Italiano Genitori), con il patrocinio scientifico della Sipps (Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale), impegnato nella prevenzione del fumo minorile da anni, ha organizzato una nuova iniziativa promuovendo la campagna “Alessio e Sara in tour per la prevenzione al fumo minorile!”.
 
Pensato per i più piccoli, il progetto prevede una serie di incontri sul tema del fumo, animati da due burattini. I ragazzi, oltre ad assistere con i genitori allo spettacolo, riceveranno materiale informativo e didattico, pensato appositamente per l'infanzia su tema del fumo.
 
Il tour di "Alessio e Sara", alla sua seconda edizione itinerante, toccherà 7 regioni e 15 centri commerciali. L'ultima tappa è prevista a luglio in Molise.
Le prossime date:
22/23 aprile - Mantova, centro commerciale La Favorita
13/14 maggio - Orio al Serio, il centro commerciale Oriocenter

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
 
 
salute/tabagismo-fumo-minorenni$$$Alessio e Sara: nemici del fumo
Mi Piace
Tweet