Tabata training, quello che devi sapere

  • 1 5
    Credits: Shutterstock

    Il Tabata training impone un costante passaggio dal metabolismo anaerobico a quello aerobico in base alla variazione dell'intensità dell'attività, per consentire un regolare recupero al fine di mantenere nel tempo la prestazione anaerobica. E sono moltissimi gli studi che hanno riscontrato benefici sul miglioramento della prestazione cardiovascolare così come anche sulla tonificazione del corpo e, se praticato con costanza, anche sul dimagrimento. E il tutto a suon di musica così che anche il divertimento sia assicurato.

  • 2 5
    Credits: Shutterstock

    "Più sono le catene muscolari che fai lavorare contemporaneamente e meno risulta impegnativo è l'esercizio. Questo perché a parità di intensità consentono più facilmente l'innalzamento della frequenza cardiaca e del consumo di ossigeno, un maggiore dispendio energetico, e una percezione della fatica proporzionalmente minore", spiega Max Greco. Si tratta di un concetto molto importante, soprattutto per chi si avvicina a questa tecnica solo ora. E vuole iniziare a piccoli step. "Ogni sessione è composta infatti da 4 minuti di allenamento intensivo suddiviso in 8 round da 30 secondi di cui 20 di prestazione ad alta intensità e 10 di recupero attivo. In ogni sessione andiamo a sollecitare e stimolare tutta la muscolatura partendo da gambe, glutei, addominali e braccia", sottolinea ancora l'esperto.

  • 3 5
    Credits: Shutterstock

    Dopo anni di studio della tecnica Tabata, è stato dimostrato che per migliorare la resistenza aerobica e anaerobica, così come bruciare più grassi, non sono necessarie estenuanti sedute di allenamento ma si può ottenere il tutto attraverso un unico programma da svolgere in breve tempo e con progressi percepibili già dopo due mesi, con sedute di 20 minuti al giorno alla massima intensità, per 3 volte a settimana. Una vera e propria rivoluzione che attrae milioni di fans in tutto il mondo. Soprattutto tra le donne che hanno sempre meno tempo da dedicare al fitness.

  • 4 5
    Credits: Shutterstock

    "Questo allenamento ha profondi effetti anche sul metabolismo post-esercizio a breve termine. Ci vorrebbero cinque volte la quantità di esercizio cardio, come una camminata intensa di 20 minuti, per spendere lo stesso numero di calorie che vengono bruciate in 4 minuti di Tabata", continua l'esperto. Ad avallare ciò è stato pubblicato uno studio che ha confermato come una sessione di Tabata composta da 8 cicli di jump squat senza carico, ad esempio, facesse consumare 13.5 calorie al minuto.

  • 5 5
    Credits: Shutterstock

    Ma quali sono gli esercizi da praticare durante le sessioni di Tabata? "Ce ne sono un'infinità: potete iniziare dalla cyclette o dalla corsa, o provare con il salto della corda, il treadmill, i saltelli sul posto a intensità moderata, ma anche lo step è molto efficace, skip, vogatore, burpee (ciò che di norma avviene nel crossfit) o mezzi squat. E poi ci sono i piegamenti sulle braccia e le serie di esercizi per gli addominali - potete eseguire ad esempio la classica ‘bicicletta’ alternando le gambe e ruotando il busto - e poi occorre far lavorare i tricipiti, appoggiandovi a una sedia dietro di voi, abbassandovi e rialzandovi", conclude il campione mondiale di sport da combattimento.

    Insomma, vale la pena iniziare a rimettersi in forma a suon di Tabata, non trovate?

/5

Chiamato anche guerrilla cardio, è una forma molto intensa di allenamento cardiovascolare. Ci siamo fatte raccontare i segreti dal campione del mondo di sport da combattimento.

La nuova frontiera del fitness arriva dal Giappone. Max Greco, campione del mondo di sport da combattimento come Full-Contact, Kick Boxing e Savate (la boxe francese), ci ha spiegato come mantenersi in forma a suon di Tabata. Di cosa si tratta? Il Tabata (chiamato anche Guerrilla cardio) nasce come una variante del 'High intensity interval training': "un metodo di allenamento cardiovascolare che propone il concetto di interval training, eseguendo una prestazione ad alta intensità per 20 secondi, intervallandola con fasi ad intensità moderata - cioè un recupero attivo - per circa 10 secondi in un passaggio continuo per 4 minuti consecutivi", chiarisce l'esperto.

Continua a sfogliare la gallery per saperne di più.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te