• Home -
  • Salute-
  • La cura universale per il cancro è la prevenzione

La cura universale per il cancro è la prevenzione 

Non fumare e mangiare sano previene l'insorgenza di ben il 65 per cento dei tumori

di Neva Ganzerla  - 14 Marzo 2011
 

La cura contro il cancro c'è già e si chiama prevenzione.
 
Eliminando i fattori di rischio, a partire dal fumo e dall'alimentazione sbagliata, si potrebbe già infatti fare piazza pulita del 65% di tutti i casi di tumore che si registrano ogni anno in Italia.
 
Per questo la Lilt, Lega italiana per la lotta contro i tumori, promuove anche quest'anno la Settimana Nazionale per la Prevenzione Oncologica, presentata a Palazzo Chigi dal sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Gianni Letta, il ministro della Salute, Ferruccio Fazio, e il presidente Lilt, Francesco Schittulli.
 
Da oggi al 21 marzo, nelle maggiori piazze italiane, i volontari offriranno un opuscolo ricco di informazioni, indicazioni, consigli e anche ricette, insieme all'ormai storico gadget della manifestazione, la bottiglia di olio extravergine di oliva, simbolo della dieta mediterranea e quindi della corretta alimentazione.
 
Quest'anno, poi, offre il suo volto in qualità di testimonial lo chef Filippo La Mantia, uno dei più celebri simboli della dieta mediterranea nel mondo e anche il mondo del calcio si testimonierà l'importanza di seguire un corretto stile di vita: le squadre di serie A e B, in tutti gli stadi d'Italia, scenderanno in campo questo week end per sostenere il messaggio della Lilt.
 
Gianni Letta ha ricordato che la Settimana Nazionale per la Prevenzione Oncologica "Fu istituita dieci anni fa e da allora è un appuntamento fondamentale, perché la prevenzione è l'unica strada per sconfiggere realmente la malattia del secolo e può essere anche gustosa, come dimostra La Mantia che ha fatto della dieta mediterranea qualcosa di artistico e di accattivante".
 
Anche il Ministro Fazio ha ribadito l'importanza della prevenzione, "Per la quale il governo stanzia il 5% dell'intero fondo sanitario: 5,5 miliardi di euro per quella primaria (la promozione dei corretti stili di vita), quella secondaria (la diagnosi precoce e le campagne di screening per le persone a rischio), e quella terziaria (evitare il riacutizzarsi delle malattie oncologiche)".
 
In questi dieci anni, ha fatto notare Schittulli, i dati sono confortanti: se aumenta l'incidenza, con 270.000 nuovi casi l'anno, "Calano i decessi, 10.000 l'anno e aumenta enormemente la guaribili: oggi curiamo il 60% dei tumori, 40 anni fa era il 30%. L'incidenza aumenta perché è aumentata l'aspettativa di vita, ma anche per i fattori di rischio. Basti pensare che il 35% di tutti i tumori è dovuto all'errata alimentazione, e il 30% al fumo. Correggendo questi comportamenti sbagliati potremmo eliminare il 65% dei tumori".
 
- fonte AgiNews

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
salute/tumori-settimana-prevenzione$$$La cura universale per il cancro è la prevenzione
Mi Piace
Tweet