• Home -
  • Salute-
  • Un supporto "intelligente" per il cancro alla mammella

Un supporto "intelligente" per il cancro alla mammella 

di Neva Ganzerla  - 18 Maggio 2010

Sebbene la prevenzione e le campagne di screening abbiano permesso di diminuire l'incidenza e la mortalità del tumore al seno, il carcinoma della mammella colpisce 40.000 donne ogni anno e resta la prima causa di morte sotto i 55 anni.

Ma ci sono buone notizie.

La chemioterapia potrà in futuro avvalersi di un supporto "intelligente" capace di colpire le cellule tumorali.

Tra i protagonisti delle ricerche ci sono gli anticorpi monoclonali (bevacizumab e trastuzumab), farmaci innovativi che hanno la capacità di colpire con precisione le cellule malate, senza danneggiare quelle sane. Intervengono bloccando la capacità del tumore di creare nuovi vasi sanguigni da cui trarre nutrimento e tramite i quali le cellule malate si diffondono nel corpo creando nuove metastasi.

Bevacizumab "è oggetto del più grande programma mondiale di trial clinici mai realizzato in oncologia, con oltre 300 studi clinici e 350.000 pazienti coinvolti per indagarne le potenzialità in oltre 20 tipi di tumore", ha concluso Antonio Del Santo, Group Leader Onco-Haematology di Roche S.p.a.

"L'inibizione dell'angiogenesi, ovvero il blocco dei meccanismi che consentono al tumore di diffondersi nell'organismo, è un'importante opzione terapeutica per le pazienti con cancro del seno in stadio avanzato, che hanno oggi una nuova arma mirata per affrontare la loro malattia", ha spiegato Sabino De Placido, ordinario di Oncologia medica dell'Università Federico II di Napoli e presidente del convegno.

"Le applicazioni cliniche del bevacizumab nel tumore della mammella sono state finora utilizzate nel trattamento del tumore in stadio avanzato cioè metastatico, ma si stanno compiendo studi anche nel tumore precoce, quello che può essere trattato con la terapia adiuvante.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
salute/un-supporto-intelligente-per-il-cancro-alla-mammella$$$Un supporto "intelligente" per il cancro alla mammella
Mi Piace
Tweet