In arrivo il vaccino antistress 

Grazie all'ingegneria genetica si potrà ridurre il danno neurale

di Neva Ganzerla  - 03 Agosto 2010
Credits: 

iStockPhoto

 
Tag: stress

Dopo 30 anni di ricerca, il vaccino anti-stress sembra essere vicinissimo.
 
Robert Sapolsky, professore di neuroscienze all'Università di Stanford in California ha passato la maggior parte della sua vita a perfezionare un farmaco che possa intervenire sulla chimica del cervello donando la serenità.
 
L'articolo apparso su Wired USA afferma che le tecniche di ingegneria genetica messe a punto dal Prof. Sapolsky saranno in grado di soppiantare i rimedi contro lo stress fin da oggi utilizzati, come terapia psicologica, yoga, tranquillanti ecc.
Il rimedio però non potrà intervenire sulle forme comuni di stress, legate alla quotidianità, ma sullo stress cronico, legato a malattie come il diabete o le cardioaptie.
 
Gli studi si concentrano su ormoni chiamati glucocorticoidi, generati dal sistema immunitario e coinvolti nei meccanismi di sopravvivenza in situazioni di pericolo.
Sapolsky ha scoperto che nell'uomo la produzione di questi ormoni non si arresta e continua anche al di fuori del momento di pericolo diventando tossico sia biologicamente che socialmente, distruggendo le cellule cerebrali, indebolendo il sistema immunitario e generando scatti d'ira.
 
Grazie all'ingegneria genetica, i ricercatori di Stanford sono riusciti ad adattare il virus herpes come neuroprotettivo con lo scopo di neutralizzare gli ormoni dello stress prima che possano causare danni.
 
Dopo aver precisato che la sperimentazione umana è ben lontana, Sapolsky ha aggiunto: "Abbiamo dimostrato che è possibile, siamo in grado di ridurre il danno neurale causato dallo stress".

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
 
 
salute/vaccino-stress$$$In arrivo il vaccino antistress
Mi Piace
Tweet