Mal d’auto: sintomi e rimedi

  • 1 5
    Credits: Olycom

    Disturbo conosciuto anche come mal d’auto o mal di viaggio, la Chinetosi, che può colpire chiunque, sarebbe un fraintendimento tra stimoli di diversa provenienza, un'incongruità tra stimoli vestibolari e stimoli visivi e propriocettivi, (provenienti da muscoli, tendini ed articolazioni).

    In pratica, se le informazioni che dall’esterno arrivano al nostro apparato vestibolare, che presiede all’equilibrio, non combaciano con quelle che ci pervengono da sistema visivo e propriocettivo, possiamo soffrire di nausea e vomito, pallore, sudorazione fredda e malessere generale diffuso.

    Come rimediare e non farsi rovinare il bello del viaggio, magari verso la destinazione delle vacanze? Scoprilo nelle prossime pagine.

  • 2 5
    Credits: Olycom

    Comportamenti utili contro il mal d'auto

    Ci sono diversi stratagemmi che puoi attuare per limitare il mal d'auto. Innanzitutto, proprio per confondere il fraintendimento di cui parlavamo prima, dovresti accomodarti sul sedile davanti. Se ti posizioni sul sedile posteriore gli occhi vedono il sedile anteriore (che è fermo), ma il corpo percepisce le curve e la velocità; l'orecchio interno viene così confuso e ciò causa la nausea e i capogiri tanto tipici del mal d'auto.

    Utile è anche mantenere l'abitacolo fresco: se il microclima all'interno è ben ventilato, infatti, i sintomi della cinetosi come i sudori e la nausea saranno meno intensi.

    Fai pause frequenti: esci dall'auto e sgranchisci le gambe, facendo respiri profondi per rilassarti. Questo è particolarmente importante durante i viaggi molto lunghi o su strade piene di curve.

    Riponi i libri, i cellulari e i dispositivi elettronici. La cinetosi peggiora quando ti concentri visivamente su un oggetto all'interno dell'abitacolo invece che all'esterno. Iniziare un libro, un gioco sul cellulare, leggere su un dispositivo ebook o su un tablet non fa altro che aumentare la discrepanza fra i segnali percepiti dagli occhi e quelli ricevuti dal resto del corpo. Per impedirlo, fai in modo che tutto ciò su cui concentri lo sguardo si trovi all'esterno della macchina, sull'orizzonte davanti a te.

    Infine, teni a portata di mano spuntini a base di farinacei, come crackers, pane, biscotti secchi. Questi snack dal sapore neutro sono in grado di stabilizzare uno stomaco "sottosopra".

  • 3 5
    Credits: Olycom

    Braccialetti

    Perfetti anche per i bambini, visto che non rilasciano sostanze farmacologiche, i braccialetti per chi soffre il mal d'auto sfruttano il sistema della compressione sul modello praticato anche nell’agopuntura cinese.

    In pratica una parte del braccialetto comprime una zona precisa del polso e altrettanto farà l’altro braccialetto posto nell’altro braccio. I braccialetti vanno benissimo anche per gli adulti e per coloro cui si preferisce non somministrare farmaci.

  • 4 5
    Credits: Olycom

    Quando il disturbo è particolarmente importante, può essere d'aiuto rivolgersi al proprio medico e ricorrere a medicinali specifici. Esistono infatti dei farmaci da banco e su prescrizione che sono efficaci contro tale disturbo.

    La maggior parte di questi contiene dimenidrato o meclizina. Alcuni sono disponibili sotto forma di cerotti e sono particolarmente utili perché rilasciano il principio attivo gradatamente.

    Anche gli antistaminici possono prevenire la nausea scatenata dal mal d'auto intorpidendo i sensori di movimento che si trovano nell'orecchio interno, ma vanno presi 30-60 minuti prima del viaggio.

    Il tuo medico potrà prescriverti anche la scopolamina, un farmaco sicuro solo per gli adulti e venduto solo dietro prescrizione medica, sotto forma di cerotto che deve essere applicato dietro l'orecchio 4 ore prima del viaggio.

  • 5 5
    Credits: Shutterstock

    Un aiuto dall'omeopatia

    Se soffri di chinetosi, ma non vuoi assumere farmaci, anche l'omeopatia può essere una valida alternativa.

    «In questi casi, un medicinale omeopatico che consiglio spesso ai miei pazienti è Cocculine, i cui componenti offrono un’azione specifica sui sintomi tipici di questo disturbo», spiega la dottoressa Fulvia Spallino, medico di famiglia di Roma, esperta in omeopatia.

    «Ne vanno assunte 2 compresse 3 volte al giorno alla vigilia del viaggio e poco prima della partenza. In caso di malessere durante il tragitto, se la sensazione di nausea peggiora con l'aria fresca e migliora stando sdraiati, andrà assunto Cocculus 9 CH. Se la chinetosi migliora con l'aria fresca, è indicato Tabacum 9 CH. La posologia è la medesima per entrambi: ne vanno assunti 5 granuli, ripetendo l'assunzione ogni mezz’ora fino al miglioramento dei sintomi», conclude la dottoressa.

/5

Se soffri di mal d'auto, molto probabilmente hai paura di ogni lungo spostamento in macchina. Con qualche accorgimento puoi alleviare questo fastidio e ricominciare a viaggiare senza paura di stare male

Il mal d'auto è un fastidio che colpisce molte persone, soprattutto bambini, ma anche adulti, e può interferire con le attività divertenti fra amici o con gli spostamenti casa-lavoro.

Tipo di cinetosi che alcune persone provano quando si spostano con questo mezzo di locomozione, il mal d'auto presenta sintomi abbastanza comuni: nausea, mal di testa, vertigini, sudori freddi e affaticamento.

Cosa puoi fare per evitare di stare male ogni volta che sali in auto? Ci sono diversi comportamenti e soluzioni per goderti un viaggio senza nausea, come i braccialetti che sfruttano il principio della digitopressione, i rimedi omeopatici e quelli farmacologici.

Utile è anche il sedersi nei posti anteriori, fare delle soste per prendere aria e sgranchirsi, dormire e guardare avanti fuori dal parabrezza.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te