Se il cane morde, è colpa nostra 

Qualche volta la cronaca racconta di animali aggressivi e violenti. Un’esperta ci spiega perché succede. E come prevenire il problema

di Anna Pugliese  - 26 Gennaio 2012
Credits: 

Tips

 
Tag: animali, cani

Nella gran parte dei casi, dietro un cane aggressivo c’è un proprietario che non è stato capace di educarlo con amore. Come nel caso, per citare un episodio che ha fatto discutere, del dogo argentino che, a Milano, è stato portato in un canile in seguito a numerosi episodi di violenza nei confronti di altri cani (due, addirittura, sbranati) e dei loro proprietari. Senza arrivare a questi estremi, però, può capitare a tutti, senza che ce ne si renda conto, di mettere il proprio amico a quattro zampe in difficoltà. Laura Ceccolini, educatrice dell’Apnec (www.apnec.it), l’associazione degli educatori cinofili che lavora con metodi gentili, spiega come evitare il problema.

CON UN CORSO
«La prima cosa da fare è quella di migliorare la comunicazione tra cane e padrone. A questo scopo sono utilissimi i corsi di educazione canina» spiega Laura Ceccolini. «Il cucciolo impara i comandi base, quelli utili tutti i giorni, e il proprietario a tenere l’animale sotto controllo nelle eventuali situazioni a rischio» spiega Laura Ceccolini.

CON IL RISPETTO
«Per la strada, non bisogna permettere agli sconosciuti di accarezzare o, peggio, abbracciare di punto in bianco il cane» continua Laura Ceccolini. «Potrebbe interpretarlo come un attacco e reagire di conseguenza. Attenzione anche ai bambini: in genere i cani li amano, ma è bene dire ai piccoli di non avvicinarsi mai correndo: il cucciolo potrebbe spaventarsi. Anche a casa serve un po’ di attenzione: se arriva in visita un amico che il quattrozampe non conosce, occorre farlo avvicinare per gradi al nostro pet, altrimenti vedrebbe la presenza dell’estraneo come un’invasione del suo territorio e potrebbe “dare in escandescenze”». Durante la passeggiata al parco uno sconosciuto si avvicina troppo e il cane si innervosisce? «È importante lasciare sempre all’animale una via di fuga: se si trova immobilizzato dal guinzaglio o da altri ostacoli, infatti, potrebbe scegliere di attaccare».

CON I PREMI
È importante, infine, lodare e premiare sempre l’autocontrollo dell’animale. Perché rinforza le abitudini corrette. «Ogni volta che il cane si comporta bene, non bisogna dimenticare di dirgli “bravo!” con un sorriso e dargli un biscottino per cani o un pezzetto di würstel di pollo per fargli capire che si apprezza quello che ha fatto» conclude l’esperta.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
 
 
salute/vivere-meglio/Se-il-cane-morde-e-colpa-nostra$$$Se il cane morde, è colpa nostra
Mi Piace
Tweet