Benvenuti sull'isola di Obama 

Baie deserte da cui, in poche bracciate, si raggiunge il reef. Onde incredibili per provare il brivido del
surf. E poi montagne selvagge, spiagge di lusso... Vi state ancora chiedendo come mai il presidente
Usa (che è nato qui) è un grande fan delle Hawaii?

di Mara Locatelli  - 16 Febbraio 2009

Cinque ore di volo, 4 mila chilometri di acqua e cielo ed ecco le Hawaii: cime verdissime di montagne che spuntano con la loro forma strana dalle acque del Pacifico. È  solo un promettente assaggio di quello che verrà dopo, una volta lasciato l'aeroporto e il traffico. Honolulu (la città dove è nato il nuovo presidente degli Stati Uniti) insieme all'ormai inglobata Waikiki e le moderne highways ricordano che questa è sempre l'America: il resto dell'isola di Oahu, invece, è un mix di paesaggi tropicali, di atolli con montagne selvagge e paesaggi vulcanici. Un posto meraviglioso dove lo stesso Obama torna appena può.?Lo ha fatto anche durante le feste di Natale per rilassarsi prima del suo ingresso alla Casa Bianca.

 

Raggiungere le Hawaii non è così costoso come si pensa. A febbraio, per esempio, sul www.expedia.it   si trovano voli attorno ai 400 euro a/r. Poi si prende un aereo che porta a Oahu.?Acquistando i biglietti su www.orbitz.com  si spendono anche solo 300 dollari a/r.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
 
 
salute/vivere-meglio/benvenuti-sull-e2-80-99isola-di-obama$$$Benvenuti sull'isola di Obama
Mi Piace
Tweet