Come scegliere il cuscino per dormire bene? 

Le dritte per iniziare a riposare meglio

Credits: 

shutterstock

 

Quando dormiamo bene ci svegliamo carichi di energia, completamente rilassati e pronti per affrontare la giornata. Al risveglio percepisci doloretti e contratture? Attenzione, non sottovalutare il ruolo del cuscino. Ecco come scegliere il modello giusto per te.

Da un'indagine della Harvard Medical School di Boston emerge che la posizione del corpo assunta durante il sonno ha profonde conseguenze e può incidere sul benessere della schiena. Il cuscino può prevenire o, al contrario, intensificare dolori cervicali e contratture, tuttavia spesso non sappiamo come orientarci fra i modelli disponibili. Ogni persona ha esigenze diverse, per questo è importante analizzare ciò di cui ha bisogno il nostro corpo e puntare sulla strategia giusta in grado di aiutarlo.

Il cuscino deve sostenere in modo adeguato la testa e il collo, mantenendo la colonna vertebrale nella posizione corretta. I cuscini alti possono aumentare i problemi legati alla respirazione e al mal di schiena: meglio evitare, soprattutto per chi ha la tendenza a russare. Quando il cuscino è troppo alto, infatti, il collo viene piegato in una posizione anomala con il rischio di accentuare fastidi e stiramenti a livello delle spalle.

Hai un cuscino molto basso? Anche in questo caso è bene usare qualche cautela, perché dormire con cuscini eccessivamente bassi può creare una tensione nei muscoli del collo, con il rischio di influire su dolori cervicali e fastidiose contratture. Chi dorme a pancia in su può riposare in modo adeguato utilizzando un cuscino di medio spessore, abbastanza morbido, in schiuma o lattice. Il cuscino a cilindro è una buona scelta perché si posiziona nella curva della nuca offrendo un sostegno naturale.

Se dormi a pancia in giù puoi orientarti verso un cuscino piuttosto piatto e leggero. La tua testa dovrà essere quasi a contatto con il materasso così da favorire l'allineamento della colonna vertebrale evitando il rischio di svegliarti con il collo dolorante a causa di posizioni innaturali. Una posizione frequente è l'abitudine a dormire su un fianco, utile perché aiuta a evitare il russamento: in questo caso è possibile optare per un cuscino di spessore medio. Chi soffre di cervicale generalmente trova sollievo utilizzando cuscini piuttosto compatti e non deformabili, che aiutano la circolazione mantenendo la postura corretta.

Durante la notte cambi spesso posizione? Avere a disposizione modelli differenti di cuscino può costituire una soluzione utile. A seconda dei casi potrai utilizzare il cuscino che senti più adatto alle esigenze del momento e rilassarti completamente grazie a un riposo adeguato.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
 
 
salute/vivere-meglio/come-scegliere-cuscino-per-dormire-bene$$$Come scegliere il cuscino per dormire bene?
Mi Piace
Tweet