Cosa significa amore platonico?

  • 1 5
    Credits: shutterstock

    ORIGINE DELLA PAROLA

    Secondo l'etimologia il termine 'platonico' deriva dal nome del filosofo greco Platone, vissuto ad Atene fra il 428 a.C e il 348 a.C.

    Il Simposio, o Convivio, è uno dei suoi dialoghi più celebri. Nell'antica Atene è una notte di festa, vino e amicizia: il padrone di casa chiede agli invitati di scegliere un argomento. Il tema della serata è l'amore, così ogni amico interviene e, a turno, svela la sua visione. Socrate, maestro di Platone, racconta che Eros nasce dall'unione di Pòros, l'espediente, e Penìa, la povertà.

    Tutto accadde il giorno in cui nacque Afrodite, dea della bellezza: durante i festeggiamenti in suo onore Pòros, che nella mitologia greca rappresenta l'ingegno, si addormenta nei giardini di Zeus, ebbro. Penìa, personificazione della povertà, lo vede e approfitta della sua ubriachezza nella speranza di generare un figlio. ll figlio sarà Eros, principio di desiderio, passione amorosa, essere in parte divino e in parte umano, positivo e negativo.

    Attraverso le parole di Platone, emerge il mito come metafora di una condizione esistenziale: l'amore nasce dal bisogno e prende vita dall'assenza, da ciò che non abbiamo e che smuove il nostro desiderio. Amore non solo come fatto fisico, bensì pulsione dell'anima, stimolo che appartiene al mondo invisibile. Ma che cosa definiamo oggi con amore platonico?

  • 2 5
    Credits: shutterstock

    A UN PASSO DALLA REALTÀ

    Celebrato da poeti e scrittori, l'amore platonico è il sentimento che lega due persone al di là del fatto fisico, un'emozione che unisce attraverso lo spirito.

    Spesso utilizziamo questa espressione per definire una relazione slegata rispetto alla realtà: un amore puro e perfetto che vive nella mente e fra i sogni, dunque in una perfezione che nasconde una fondamentale incompletezza.

    Secondo la psicologia la tendenza a coltivare relazioni platoniche può nascondere il bisogno di rifugiarsi in un mondo di fantasia e la paura del confronto con la realtà, più difficile e meno perfetta, ma concreta, tangibile, autentica. Tuttavia, l'amore platonico non identifica solo una relazione fra amanti.

  • 3 5
    Credits: shutterstock

    LA MATERIA DEI SOGNI

    Chi da adolescente non ha sperimentato un'impossibile attrazione verso un professore o una persona più grande? Amore impossibile, ma una relazione platonica non esclude il fatto che le emozioni provate siano autentiche e vere, assolutamente reali e intense per chi le sta sperimentando.

    Il desiderio ci aiuta a crescere e costruire le nostre idee sull'amore. Come ricorda il poeta e filosofo libanese Khalil Gibran «Il desiderio è metà della vita, l’indifferenza è metà della morte». Attraverso l'assenza si genera un movimento dell'anima.

  • 4 5
    Credits: shutterstock

    MENO SESSO, PIÙ RETE

    Gli amori nati sul web possono trasformarsi in un amore platonico? Può accadere quando si tende a idealizzare l'altra persona, evitando il confronto con la vita al di là dello schermo.

    Nel 2015 il 32% degli uomini su un campione di 1.215 ha ammesso un calo del desiderio generalizzato. Secondo gli esperti la scarsità o assenza di rapporti sessuali è un fenomeno che interessa sempre più coppie: lo stile di vita della società occidentale porta a sublimare il desiderio trasferendo la carica sessuale sul piano della carriera.

    Lavoro, performance sociale, passioni del tempo libero si sostituiscono alla fisicità della relazione. In questo senso, il web può amplificare la tendenza al distacco. Possiamo chattare, conoscere nuove persone e persino cominciare una relazione senza aver mai incontrato e toccato l'altro. Tuttavia, l'amore platonico non è solo questo.

  • 5 5
    Credits: shutterstock

    FLUSSO DI ENERGIA

    Con amore platonico non ci riferiamo solo alla passione degli amanti. Dall'opera di Platone emerge l'idea di una comunanza profonda, l'energia che è in grado di unire due persone attraverso la stima tanto da coinvolgere la mente e occupare i pensieri.

    A metà strada fra attrazione mentale e desiderio utopico, questa relazione vive sul piano ideale, trascina l'anima, si trasforma in ammirazione e condivisione di idee, ispirazione. Perché, dopotutto, «La passione non è cieca, è visionaria» scriveva  Stendhal.

/5

Dalla filosofia antica al mondo del web, tutte le declinazioni della passione d'amore fra desiderio impossibile e utopia

Al contrario dell'amore platonico, vivere una relazione nella quotidianità significa calarla nella routine di tutti i giorni: non sempre è facile, ecco perché imparare a comunicare e non avere paura di affrontare argomenti scomodi aiuta a crescere e costruire un rapporto forte.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te