Dating online: il supermercato dell'amore 

Una volta c'erano le chat. Poi sono subentrati i social network. Ancora oggi quello che resta tabù sono questa versione moderna delle agenzie matrimoniali. Che però non attirano solo i solitari del mondo

di Giulia Blasi  - 19 Gennaio 2009

Fino a pochi anni fa, il segreto era: ci siamo incontrati in chat. Incontrarsi in chat era ancora visto come una faccenda sordida e un po' patetica, un incontro di disperazioni paragonabile solo all'inciamparsi addosso ubriachi all'uscita da una sala da biliardo. Poi Internet è diventata parte della nostra vita quotidiana, le chat sono diventate social network, e il pregiudizio contro questi mezzi di comunicazione è decaduto: incontrarsi di persona perché si chiacchiera in rete è normale, capita ogni giorno, e ne nascono amicizie e amori di qualità variabile.

Il nuovo tabù sono i siti di dating, versione moderna delle agenzie matrimoniali, cui in altri tempi facevano ricorso i solitari del mondo, quelli cui la vita aveva riservato fortune alterne in amore e che non se la sentivano più di aspettare da soli la fine della propria esistenza, magari seduti in un angolo della balera in attesa di essere invitati a ballare. Vedovi e vedove, divorziati, single di lunghissimo corso che avevano superato gli anni della giovinezza prendendosi cura degli anziani genitori, signorine e scapoloni.

Chi si incontra su un sito di dating e imbrocca l'amore, difficilmente fa come quelli della pubblicità di Meetic e spiffera subito tutto ai genitori: ci si inventa ancora una storiella, o si glissa, ci siamo incontrati su Internet, ma non si dice "su Internet dove". Eppure i siti di incontri ("dating" è un termine più efficace e moderno, e tutte le traduzioni italiane sanno di bordello) sono una realtà in crescita. In America si sono specializzati: eHarmony per i cristiani (rinati o di vecchia tradizione), jDate per gli ebrei che vogliono incontrare altri ebrei, Nerve Personals per i giovani hipster metropolitani, e via dicendo.

La novità dei siti di dating, rispetto alle agenzie matrimoniali d'antan, è che vengono usati da persone di tutte le età, anche non esplicitamente per trovare l'anima gemella. C'è chi si iscrive solo per fare nuove conoscenze, e chi invece cerca partner casuali; c'è chi ha appena cambiato città e vuole crearsi un giro di amici, e chi ha visto disintegrarsi la sua solita compagnia e si sente solo. Non più, quindi, solo ultratrentenni e ultraquarantenni abbacchiati dall'amore, ma giovani di ogni età. Alcuni siti, come Match.com, applicano all'iscrizione la politica del sabato in discoteca, ingresso omaggio donna, allo scopo di invogliare le signore - che si presumono essere l'articolo più richiesto - a rimpolpare il numero degli iscritti. Alcuni offrono test di compatibilità, come ad esempio Parship.it, altri sono veri e propri network internazionali. Tutti hanno una cosa in comune: sono affollatissimi.

«La cosa che mi ha colpito da subito» racconta Francesco, ex utente di Meetic.it «è la quantità di persone di entrambi i sessi che sono iscritte, il che significa che cercando per esempio. una ragazza "disponibile" con i necessari parametri di età, area geografica e un minimo di interessi comuni si viene bombardati di decine e decine di profili interessanti.» Si pone quindi il problema della selezione. «Che fai? Scrivi a tutte? Selezioni biecamente sulla base delle foto pubblicate, cosa che ti fa pensare che possono fare lo stesso con te? In generale, c'è da trovarsi una strategia, scrivere cose standard ma modificarle spesso, contattare a tappeto sperando in un tasso di risposte molto basso. C'è una certa aria da supermercato in cui bisogna guardare molti scaffali prima di trovare il prodotto giusto».

Il trucco, insomma, è approcciare la cosa con leggerezza, e senza troppe aspettative: mettendo in conto di dover scremare moltissimo, anche fra le offerte più promettenti. Come consolazione, almeno non bisognerà più incontrarsi davanti alle edicole indossando una gardenia all'occhiello come segno identificativo.

Vedi anche: "Pretty Woman si aggiorna"

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
 
 
salute/vivere-meglio/dating-online-il-supermercato-dellamore$$$Dating online: il supermercato dell'amore
Mi Piace
Tweet