È il momento di scoprire Valencia 

La terza città della Spagna è una sorpresa continua. Dietro a quell'aria da pigra provincia, ti stupisce con le architetture da Terzo millennio, il suo fiume diventato un grande parco e il porto dove corre la Formula uno

di Manuela Soressi  - 26 Agosto 2008

Valencia è una delle città spagnole più dinamiche e creative del momento, con una passione per gli sport. Dopo aver ospitato l'America's cup nel suo nuovo porto, ora guarda alla Formula uno. Per il Gran Premio (dal 22 al 24 agosto) le strade attorno al porto e alla spiaggia diventano uno spettacolare circuito urbano, il Valencia street circuit (www.valenciastreetcircuit.com ), disegnato dal progettista Hermann Tilke. Ma le quattro ruote non saranno l'unico spettacolo sportivo in programma a Valencia. A ottobre, infatti, sarà la volta del Gran Premio di Motociclismo, con la gara che probabilmente incoronerà il campione del mondo di motociclismo Moto GP 2008. Questi appuntamenti sono solo una delle occasioni per visitare la città: le splendide spiagge, il centro storico affascinante e il gran numero di musei sono motivi più che sufficienti per concedersi una vacanza qui.

In bici, nel fiume. Il modo migliore per scoprire Valencia è noleggiare una bicicletta da Do you bike (www.doyoubike.com ) e pedalare nel letto del fiume Turia trasformato in otto chilometri di giardini che si allungano per la città. Risalendo questo percorso nel verde, tra le sponde unite da 14 ponti (il 15esimo, progettato dall'architetto Santiago Calatrava, sta per essere ultimato in questi giorni), si scoprono le tante anime di Valencia, passando dai palazzi eleganti del centro storico agli edifici sinuosi e leggeri della Ciudad de las Artes y las Ciencias (www.cac.es ), un'alchimia di vetro e acciaio creata dal genio artistico di Calatrava. In questa emozionante "città del futuro" si possono passare intere giornate. Al Museo delle Scienze ci si lascia coinvolgere da esperimenti interattivi e poi ci si immerge nel mondo sottomarino del Parco Oceanografico, l'acquario più grande d'Europa. Proseguendo l'itinerario in bici si arriva al centro antico tra chiese barocche e palazzi modernisti come il mercato di Colón, un edificio liberty con negozi di artigianato e ristoranti. Qui si può fare un pranzo veloce da Hojalata (tel. 0034/96-39 40001) che propone cucina catalana creativa. Continuando a risalire lungo i giardini del Turia si arriva al Bioparco (www.bioparcvalencia.es ): un grande zoo senza gabbie dove si vedono oltre 4.000 animali.

Shopping e movida. Attorno al mercato di Colón c'è il "miglio d'oro" dello shopping: racchiuso dai negozi di décor di calle Cirilo Amorós e dalle boutique di calle Sorní. C'è Nichi Seijo (Sorní, 1), con le sue scarpe coloratissime, e ci sono gli abiti dello stilista valenciano Francis Montesinos (Conde de Salvatierra 25). Per trovare tisane, candele e saponi di ogni forma e profumo, invece, si va a La Jabonería (Musico Peydro 6, www.mercadomedieval.com ). Dopo lo shopping ci si concede un po' di relax in un antico palazzo del centro, con tanti trattamenti  di benessere del Balneario de la Alameda (Amedeo de Saboya 14, tel. 901222002; www.balneariolaalameda.com ). E quando arriva l'ora di cena, la paella è una scelta obbligata: perché è proprio a Valencia che nasce questo piatto. In effetti, viste le risaie, la campagna intorno e il mare che ne bagna le coste, non si può immaginare un luogo migliore dove trovare i prodotti freschi. L'indirizzo giusto dove gustarla è El Romeral (Gran Via Marqués del Turia 62, tel. 0034/96-3951517). Oppure si va a La malquerida (Calle Polo y Peyrolon 53, tel. 3891186; www.lamalquerida.com ) famosa per un'altra specialità spagnola, le tapas (piattini di assaggi vari). Di notte la movida è nei bar e localini del Barrio del Carmen, come il Café Saint Jaume (calle Caballeros 51), allestito in una vecchia farmacia e con una bella terrazza panoramica.

Hotel e voli. Il The Westin (www. starwoodhotels.com ), amato anche dai vip come Kevin Costner e Claudia Schiffer, è un buon posto per dormire: la doppia in b&b parte da 125 euro. Squirrel (tel. 02584 30011; www.squirrelviaggi.it ) offre un pacchetto con voli, tre notti in hotel con prima colazione, auto a noleggio e biglietti per le giornate di Formula1 da 1.500 euro. Voli low cost con Click Air (www.clickair.com ), Volareweb (buy.volareweb.com ) e Vueling (www.vueling.com ). Sul sito ufficiale di www.turisvalencia.es  si trovano le promozioni degli alberghi e si prenota on-line. Per informazioni: Turismo Spagnolo, tel. 0272004617.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
 
 
salute/vivere-meglio/e-il-momento-di-scoprire-valencia$$$È il momento di scoprire Valencia
Mi Piace
Tweet