Il team GGDCampania, quando virtuale e reale si integrano 

All’origine dei tempi vi sono storie di amicizia tra alcuni membri, al  di là dei confini geografici e, successivamente, l’inizio di una  collaborazione on line e non solo

 - 03 Novembre 2011
 

Le ragazze del team della Girl Geek Dinners Campania sono un esempio di integrazione tra virtuale e reale: all’origine dei tempi vi sono storie di amicizia tra alcuni membri, al di là dei confini geografici e, successivamente, l’inizio di una collaborazione prima on line, per realizzare il primo evento tenutosi a Napoli l’11 marzo 2011. Infatti, per la prima volta, tutte le componenti del gruppo si sono conosciute dal vivo in occasione della GGDCampania#1 e l’unico punto di contatto comune era stata, fino a quel momento, la napoletana fondatrice del nucleo campano Francesca Ferrara, già autrice della prima rassegna sulle Culture Digitali in Campania e importatrice del format barcamp a Napoli, con il VesuvioCamp(.it).
Il team diviso tra più città: Napoli, Salerno, Milano e Torino ha però, in comune, un affetto smisurato per la Campania e sul valore abilitante del web soprattutto per il Sud.

Le ragazze, inoltre, benché situate in città diverse, sono tutte nate al Sud e si occupano principalmente di giornalismo e comunicazione a partire dalla fondatrice Francesca Ferrara che è una giornalista e consulente freelance, la giusta definizione è “newsmakerdirete”, ovvero giornalista multimediale e che è esperta di comunicazione ad Aurora Incardona, siciliana, che si occupa di Digital Marketing Communication, all’altra sicula Roberta Bartoli, Digital Marketing Manager per poi tornare in Campania con la salernitana Alessia Passatordi che è Communication Manager e non in ultimo la napoletana Chiara Menido, Marketing e Communication Consultant.
Del team fa parte anche Viviana Capraro, napoletana pure lei e artista multimediale, autrice delle geek cards ambientate in Second Life che potete trovare sia sul blog che su Facebook.

Se Aurora si occupa “di innovazione, persone e internazionalità per passione e per lavoro”, Alessia si definisce “precisa e BlackBerrizzata” mentre Viviana si esprime con la tecnica del Machinima, creando scenografie virtuali ed interpretando i suoi avatar in Second Life. E le altre tre? Roberta è un’accanita “design and food lover” mentre Chiara si sente una "Brand communicator molto creativa e assolutamente Apple addicted" e last but not least, Francesca, networker inside, che sostiene che fino a quando si sentirà “ignorante” sarà una buona giornalista perché la curiosità e l’esperienza sul campo la spingeranno ad indagare e raccontare fatti, storie e personaggi sempre meglio.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
 
 
salute/vivere-meglio/ggd-campania-virtuale-reale$$$Il team GGDCampania, quando virtuale e reale si integrano
Mi Piace
Tweet