Il segreto del successo di Paris Hilton 

Ho incontrato Paris Hilton perché volevo capire com'è possibile che questa ricca ragazza newyorkese, che ha basato il suo successo sul nulla (è una quasi modella, una quasi attrice, una quasi cantante, una quasi tutto insomma) sia sulla cresta dell'onda da oltre cinque anni

di Francesco Neri  - 22 Settembre 2008

Paris Hilton sa come mobilitare le folle. Venerdì sera ho deciso all'ultimo momento di partecipare alla conferenza stampa di presentazione della nuova linea di abbigliamento di Paris Hilton. Mosso più dalla curiosità che non da reali motivi professionali, mi sono recato al Coin Globe di Milano. Volevo capire com'è possibile che questa ricca ragazza newyorkese, che ha basato il suo successo sul nulla (è una quasi modella, una quasi attrice, una quasi cantante, una quasi tutto insomma) sia sulla cresta dell'onda da oltre cinque anni. Arrivo in Piazza Cinque Giornate ed è il delirio. Certo, i teenager assiepati a frotte davanti all'ingresso me li aspettavo, non così i miei colleghi giornalisti che sgomitano per salire all'ottavo piano.

Mezz'ora più tardi raggiungo finalmente il lounge del Globe ed è subito chiaro che sarà una conferenza stampa molto particolare. Paris non si metterà al classico tavolo degli oratori per presentare la collezione e rispondere alle domande della stampa, bensì, seduta su un divano, rilascerà un'intervista alla giornalista del TG5, Elisabetta Falciola, e questo ci basti. Mentre mi guardo attorno per cercare un punto d'ascolto, mi rendo conto di essere circondato da cloni di Paris. Infatti, oltre ai giornalisti, l'ottavo piano è invaso da ragazze che sembrano aver saccheggiato l'armadio della Hilton tanto che, come mi fa notare una collega della moda, alcune di loro portano borse da 11 mila euro. Ne fermo una che non sta nella pelle dall'emozione e le chiedo come mai è qui: «Sono qui per Paris! Lei è il mio modello e voglio vederla dal vivo, salutarla, farle una foto!». Si aggiunge timidamente alla conversazione un amico della ragazza:

«Oggi è il mio compleanno ed è un sogno essere qui. Spero tanto che Paris mi faccia gli auguri»

Paris arriva. Le telecamere si accendono e scattano i flash. Nessuno deve spiegare alla ricca ereditiera americana cosa fare perché lei sa benissimo come comportarsi sul palco dei media. E' lei che detta i ritmi, che decide come posare e a chi concedere la sua immagine. Si mette nella sua tipica posizione, di tre quarti, e manda baci, ammicca, saluta il tutto con una naturalezza che ha dell'incredibile. Gli obiettivi la amano.

L'intervista ha inizio, ma non si riesce a sentire. Troppo rumore in quell'ottavo piano trasformatosi in "Parisland" e i microfoni sono troppo bassi. Qualche collega si lamenta perché «così non possiamo lavorare» e il dubbio che tutto questo sia voluto mi sfiora. Ma in fin dei conti a chi importa? Paris Hilton non è certo diventata famosa per le sue affermazioni. Paris è famosa perché è Paris Hilton, perché è lei che stabilisce le regole nel rapporto VIP e stampa. E ora che l'abbiamo vista all'opera, non possiamo che ammirarla.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
 
 
salute/vivere-meglio/il-segreto-del-successo-di-paris-hilton$$$Il segreto del successo di Paris Hilton
Mi Piace
Tweet