Incantevole Nuova Zelanda 

Paesaggi da fantascienza con vulcani ribollenti
di vapore. Ma anche pascoli verdi e lunghe spiagge candide, battute dal vento. È questa
la magia irresistibile della terra dei maori

di Marco Moretti  - 05 Settembre 2008

Quello che salta all'occhio appena arrivati in Nuova Zelanda, nell'Isola del Nord, sono i contrasti: si passa con rapidità da boschi a spiagge, a immense distese verdi dove pascolano pecore, mucche e cavalli. Le cascate si alternano ai vulcani, e dietro a montagne che si specchiano nell'oceano compaiono, improvvise, le città modernissime.

Nel Paese dei vulcani. Tra i paesaggi magici dell'Isola c'è sicuramente il parco del Tongariro, donato da un capo Maori ai neozelandesi perché fosse protetto. La zona, dominata da tre vulcani attivi, è il paradiso del trekking. All'orizzonte si staglia il Monte Tongariro. Con una lunga passeggiata che sfiora sorgenti calde e piccoli crateri diventati laghi se ne raggiunge facilmente la cima. Più impegnativo, invece, è il Ngauruhoe, un cono perfetto e insidioso perché erutta di frequente. La sua scalata, infatti, è consigliata solo agli alpinisti esperti. Infine, c'è il Ruapehu con i suoi quasi 3.000 metri di altezza e una cima piatta coperta da un ghiacciaio che circonda il cratere: spettacolare. Qui, nel Tongariro National Park ci si può fermare allo Chateau Tongariro (www.chateau.co.nz , tel. 647/892-3809, doppie da 89 euro): ottimo punto di partenza per le escursioni e il trekking in estate e per lo sci in inverno.

Alle terme Polinesiane. A un paio d'ore d'auto verso nord, tra colline coperte di pascoli e foreste, compare all'improvviso Rotorua: città dello zolfo e terra delle meraviglie geotermiche. Mentre ci si avvicina, si incontrano i geyser e le pozze ribollenti di fango (sono un po' ovunque) e soprattutto si sente il forte odore di zolfo che avvolge la città. Inutile cercare di resistere: il panorama è unico e le sensazioni che suscita pure. Superata la difficoltà dell'odore, che all'inizio sembra asfissiante, bisogna approfittare delle sorgenti di acqua e lasciarsi avvolgere dal loro calore. Alle terme polinesiane Polynesianpools (Hinemoa St, www.polynesianspa.co.nz, ingresso 10 euro), affacciate proprio sul lago Rotorua, ci si può rilassare tra fanghi e massaggi fino alle 23. Rotorua è anche il luogo adatto per approfondire la cultura Maori. Qui, infatti, c'è Te puia (www.tepuia.com ), un interessante centro culturale dove scoprire l'arte dei tatuaggi, conoscere le tradizioni, la cultura e le usanze di questo popolo. Oppure si possono visitare i villaggi dei Maori che accolgono i visitatori ricoperti dai "moko" (i tatuaggi), cantando e ballando la "Haka" (danza della guerra). A 20 minuti da Rotorua, infine, si fa tappa a Wai-o-tapu (www.geyserland.co.nz ), un parco suggestivo dove passeggiare tra fumanti laghetti termali dai mille colori e geyser.

Dalla città all'Oceano. Prima di raggiungere Auckland, si passa dalla penisola di Coromandel, per vedere il mare cristallino e le spiagge da sogno battute dal vento. Lì ci si rilassa nell'assoluto silenzio interrotto solo dal piacevole rumore delle onde. Dal villaggio di Coromandel, all'interno di un'ampia baia, si vedono le luci di Auckland che, dopo tanta natura, appare come una metropoli. Qui in città tutti vanno per mare e basta gettare lo sguardo sul porto, a Westhaven Marina, per rendersene conto: sono ormeggiate migliaia di barche. La vista di Auckland che mozza il fiato si ha dalla cima della Sky Tower (www.skycityauck land.co.nz ). In una manciata di secondi l'ascensore porta sul belvedere con il pavimento di vetro. Solo i coraggiosi si fermano prima, allo Sky Jump, per fare un salto dalla piattaforma a 192 metri da terra: i comuni mortali preferiscono la quiete di un aperitivo allo Sky Lounge. Tutto quello che c'è da fare in città è qui vicino, basta seguire Queen St, la via principale, e dare un'occhiata alle stradine che incrocia: bar e boutique sono tutti lì. In Victoria St West c'è il Victoria Park Market (www. victoria-park-market.co.nz ), dove si può fare shopping e fermarsi per il pranzo. Oppure si prosegue fino a Ponsonby Road, ricca di ristorantini etnici e vegetariani, pub dove suonano gruppi rock, botteghe e gallerie d'arte. Da lì si va a Karangahape Road, con i suoi night e i negozi etnici, e si ritorna in Queen St. Non si può ripartire senza avere visto le lunghissime spiagge del Northland (www.northlandnz.com ). Ancora una volta i paesaggi sorprendono con i colori accesi e vivaci delle incantevoli spiagge di Bay of islands, la lunga distesa di dune di sabbia della famosa 90 Mile beach (ci si scivola con i bob) e, infine, il faro di Cape Renga, dove il mare di Tasmania s'incontra con l'oceano Pacifico. Go Australia (tel. 01151872 45, www.goaustralia.it ) offre i voli, 7 giorni con l'auto e hotel da 2.810 euro. Informazioni: www.newzealand.com/travel  in inglese.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
 
 
salute/vivere-meglio/incantevole-nuova-zelanda$$$Incantevole Nuova Zelanda
Mi Piace
Tweet