La Carta per proteggere i bambini "tecnologici" 

Computer e telefonini possono essere utilissimi per i ragazzi. Ma possono anche essere pericolosi. Per questo nasce un codice di comportamento

di Antonella Trentin  - 27 Dicembre 2008

Li chiamano "iperconnessi tecnoager" o anche "natural-born cyborgs": sono i nostri bambini e adolescenti che usano, spesso in modo compulsivo, playstation, gameboy, computer, lettori Mp3, cellulari con fotocamera. Non maneggiano, come credono molti genitori, innocui strumenti informatici per giocare, ma finestre su un mondo senza controlli dove circolano anche cyberbulli, pedofili, adulti pericolosi. Pc e telefonini possono indurre, tra l'altro, una forte dipendenza nei ragazzi.

Gli ultimi dati dell'Eurispes sono inquietanti: tre adolescenti su dieci, per esempio, usano il cellulare per più di quattro ore al giorno. È nata da questa allarmante realtà la decisione della Fondazione Movimento Bambino, in collaborazione con la Fondazione Ferrero, di scrivere un codice di comportamento, la Carta di Alba, per l'utilizzo consapevole dei new media.

«La prima cosa da fare è colmare il gap generazionale nell'uso di questi mezzi» spiega la psicoterapeuta Maria Rita Parsi, presidente di Movimento Bambino. «Genitori, insegnanti, assistenti sociali devono saper usare computer e playstation, conoscerne vantaggi e pericoli. Occorre insomma un'alfabetizzazione tecnologica degli adulti che altrimenti non potranno esercitare alcun controllo sui minori».

La scuola dovrà fare la propria parte e promuovere sin dalle elementari corsi sull'impiego sicuro delle tecnologie digitali. Internet provider e gestori di telefonia saranno obbligati a collaborare con le istituzioni per prevenire gli abusi sui minori online. «Nascerà anche un Osservatorio stabile per contrastare l'uso distorto della Rete e i fenomeni criminali» spiega Parsi.«Il mondo della ricerca, pubblica e privata, invece, dovrà dar vita a studi approfonditi e su larga scala sull'impatto delle nuove tecnologie sulla mente umana». I genitori sono avvertiti: pc e cellulari appartengono alla categoria oggetti utili e preziosi, ma vanno usati con sapienza, altrimenti diventeranno bombe a orologeria.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
 
 
salute/vivere-meglio/la-carta-per-proteggere-i-bambini-tecnologici$$$La Carta per proteggere i bambini "tecnologici"
Mi Piace
Tweet