Medicina ayurvedica: cos'è e cosa cura  

Dal massaggio all'alimentazione i principi dell'Ayurveda, patrimonio millenario della tradizione indiana

di Maddalena De Bernardi

I CHAKRA

La traduzione dal sanscrito si riferisce alla figura geometrica del cerchio e indica il termine "ruota" o "disco". In India la tradizione della disciplina yoga, che a sua volta si riferisce ad antichi testi tantrici, parla di chakra come punti di energia situati nel corpo. Essi vengono spesso rappresentati con la bellezza del fiore di loto che nasce nel fango e si innalza, alto, superando le miserie umane, in grado di contenere potenzialità pronte a sbocciare.

Tradizionalmente l'energia viene rappresentata come un serpente addormentato alla base della spina dorsale: il suo risveglio è la coscienza che diventa consapevolezza di noi stessi, cambiamento, passione vitale. Ben più numerosi dei sette generalmente noti, i chakra sono situati in diverse aree del corpo, dalla pancia alle mani. Essi esprimono come ci sentiamo. La rappresentazione di questa potente energia vitale (dosha) che cambia costantemente oggi torna a far riflettere, perché presenta interessanti aspetti in comune con le nuove ricerche nell'ambito della fisica quantistica.

 

FILOSOFIA AYURVEDICA

Siamo fatti di acqua per una percentuale variabile oltre il 90%: il corpo umano è un conduttore di elettricità. Rispetto al passato oggi sappiamo che le emozioni che sperimentiamo hanno conseguenze dirette sui livelli di endorfine, pressione sanguigna, risposta cerebrale in termini di stress o felicità. Siamo un laboratorio chimico in costante evoluzione: risolvere eventuali squilibri e mantenere il sistema in equilibrio significa imparare a ascoltare i bisogni del nostro corpo, avere cura di sé, essere aperti al cambiamento.

Ci nutriamo per sopravvivere e al tempo stesso il cibo costituisce un nutrimento simbolico in grado di influenzare il nostro rapporto con il mondo e le emozioni, ecco perché l'alimentazione assume un'importanza centrale all'interno della medicina ayurvedica. Patrimonio di incredibile saggezza, l'Ayurveda è una filosofia di guarigione e fin dall'antichità attraverso conoscenze millenarie dona una profonda lezione di vita: il benessere autentico è nella prevenzione.

SE SEI PITTA (hai un fisico forte, di media corporatura e sei muscolosa. In più, quando non hai la tua giusta energia, ti infiammi facilmente). Per te, l’ideale sono yogurt e cereali abbinati a una spremuta d’arancia: così tieni a bada l’irascibilità.SE SEI VATA (sei magra, con il corpo sottile e la pelle secca. Sei dinamica ma se non ti senti in forma ti fai prendere dallo stress). Metti nel latte caldo una manciata di frutta secca, che ti protegge grazie agli antiossidanti.SE SEI KAPHA (sei rotondina e freddolosa. E nei momenti critici, tendi a ingrassare). Evita i latticini, che aumentano la ritenzione idrica. Per te, meglio un tè caldo allo zenzero, per darti la carica.

SE SEI PITTA (hai un fisico forte, di media corporatura e sei muscolosa. In più, quando non hai la tua giusta energia, ti infiammi facilmente). Per te, l’ideale sono yogurt e cereali abbinati a una spremuta d’arancia: così tieni a bada l’irascibilità.

SE SEI VATA (sei magra, con il corpo sottile e la pelle secca. Sei dinamica ma se non ti senti in forma ti fai prendere dallo stress). Metti nel latte caldo una manciata di frutta secca, che ti protegge grazie agli antiossidanti.

SE SEI KAPHA (sei rotondina e freddolosa. E nei momenti critici, tendi a ingrassare). Evita i latticini, che aumentano la ritenzione idrica. Per te, meglio un tè caldo allo zenzero, per darti la carica.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
 
 
salute/vivere-meglio/medicina-ayurvedica-cos-e-cosa-cura$$$Medicina ayurvedica: cos'è e cosa cura
Mi Piace
Tweet