Trekking esotico 

Il mare cristallino e la foresta pluviale dominati da un vulcano ancora attivo. È La Réunion, l'isola per chi ama camminare tra fiori e cascate

di Marco Moretti  - 21 Febbraio 2008

La Réunion è un gioiello dell'Oceano Indiano, meta ideale per chi sogna una vacanza dinamica, all'aria aperta. Anche se piccola, l'isola offre un'incredibile varietà di scenari: dalle colline coltivate a canna da zucchero alla foresta, dai pascoli verdi ai vulcani spenti (il Piton de la Fournaise è attivo). Senza dimenticare le spiagge coralline e il Piton des Neiges, monte che con i suoi 3.000 metri di vetta ogni tanto è spolverato dalla neve.

L'isola è un paradiso per chi ama camminare tra crateri spenti, le oltre 400 cascate della foresta pluviale e i fiori meravigliosi. Al Jardin des parfums et des épices di Saint Philippe si scopre che ce ne sono circa 600 varietà oltre a 230 di piante. Le emozioni più intense si vivono nei tre Cirques (di Salazie, Mafate e Cilaos), dove ognuno trova il percorso adatto alle proprie capacità: 50 itinerari sotto le tre ore e altrettanti da un giorno di cammino. I più allenati possono affrontare i 125 chilometri della Diagonale des Fous che in cinque giorni di itinerario collega la città di Saint Joseph a Saint Denis, il capoluogo sulla costa nord. Mappe e informazioni alla Maison de la Montagne (www.reunion-nature.com). I trekker alloggiano nei gîte rural: rifugi a basso costo con doppie e dormitori.

Per godere di uno spettacolo completo dell'isola conviene fare un giro in elicottero: lo organizza Helilagon a 260 euro a passeggero per 45 minuti di volo (www.helilagon.com). Prima di lasciare l'isola ci si può riposare sulla spiaggia di Saint Gilles, fronteggiata dalla barriera corallina dove fare immersioni e snorkeling tra madrepore e pesci tropicali. O partecipare a spedizioni di whalewatching, tra maggio e settembre, per avvistare le balene: Le Grand Bleu (tel. 00262/332832, www.reunioncroisieres.com).

A Saint Denis, la capitale, ci si ferma per comprare nel mercato coperto i tessuti e le spezie. La città è un piacevole mix di razze e religioni con una grande comunità di indiani tamil, dove belle case coloniali si alternano a templi di ogni genere dalla Pagoda cinese al tempio Indù. Per dormire in riva al mare, a Saint Gilles, Le Nautile (tel. 338888, www.hotel-nautile.com) ha doppie da 124 a 264 euro. Air France (www.airfrance.it) collega La Réunion via Parigi da 487 euro a/r. Essendo una provincia francese non serve il passaporto. Informazioni su www.la-reunion-tourisme.com.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
 
 
salute/vivere-meglio/trekking-esotico$$$Trekking esotico
Mi Piace
Tweet