Una romantica estate nelle Fiandre 

Mai stata in Belgio? Nella bella stagione le sue piccole città, attraversate dai canali, sembrano uscite da un libro di fiabe. Sono talmente suggestive da fare innamorare chiunque. Anche gli attori di Hollywood che sono venuti fin qui per girare un film

di Marta Ghelma  - 28 Luglio 2008

Il Belgio è uno di quei Paesi poco frequentati dal turismo di massa. Una ragione in più per partire alla scoperta dei suoi panorami verdi e rilassanti, incastonati tra Francia, Paesi Bassi e Mare del Nord. Chi ha visto al cinema il film In Bruges, la commedia dark con Ralph Fiennes e Colin Farrell che si aggirano per stradine acciottolate fiancheggiate da canali e case simili a quelle delle bambole, sarà rimasto colpito da quest'angolo di Belgio. Finzione cinematografica? No Bruges è proprio così, romantica e antica come appare nel film. Anzi, a dirla tutta, è la città medievale meglio conservata al mondo. E vederla di sfuggita è un vero peccato. L'ideale è fermarsi per qualche giorno, magari una settimana, e abbinare qualche trasferta a Gent, Lovanio e Anversa: sono le altre città incantevoli delle Fiandre, che si raggiungono con brevi viaggi in treno.

Proprio come al cinema. A piedi, in battello o addirittura in carrozza, il tour di Bruges può partire dal Minnewater (significa l'acqua su cui si ama), il lago dell'amore davanti al Begijnhof, il suggestivo convento circondato da mura medievali. Il luogo più fotografato della città, visto e rivisto anche nel film, è la piazza del mercato, dove si mangiano ottime "moules et frites" (cozze e patatine fritte), piatto tipico belga. Qui svetta la Torre di Belfort teatro di un inseguimento fra i protagonisti: saliti i suoi quasi 400 gradini per 83 metri di altezza si ammira il panorama di tutta la città. A chi ha voglia di arte, Bruges offre il Museo Groeninge: con una pinacoteca dal 15esimo al 20esimo secolo, compare anche nel film. Nelle sue sale i gangsters si ritrovano a discutere davanti al celebre Giudizio Universale di Hieronymus Bosch. Relax con una gita in barca lungo i canali di questa piccola Venezia e poi via a cena da Cafedraal (Zilverstraat 38, www.cafedraal.be ), un'istituzione in città, scelto anche nel film per una cena a lume di candela. Si può dormire all'Hotel de Tuilerieën (Dijver 7, tel. 0032/ 50343691; www.slh.com/tuilereen) magari nella suite 413, quella di Colin Farrell, o al Relais Bourgondisch Cruyce (Wollestraat 41-47, tel. 0032/503379 26; www.relaisbourgondischcruyce.be ). n Un tesoro di architettura. Dalla stazione ferroviaria di Bruges, i frequenti treni della belga Sncb raggiungono in mezz'ora Gand (o Gent, in fiammingo). Con più di 400 monumenti tra conventi, musei, chiese e castelli, come quello dei Conti di Fiandra, è una città elegante con suggestive case rinascimentali che si specchiano nei canali. Tra i palazzi signorili e le basse dimore fiamminghe del centro spicca la Cattedrale San Bavone, dov'è custodito il polittico dell'Adorazione dell'Agnello mistico, dei fratelli Van Eyck. Poco lontano dalla cattedrale e dall'antico mercato dei tessuti, c'è Belfort, la torre medievale di 91 metri dalla cui sommità (si sale con l'ascensore) si abbraccia l'intera Gent. La sera ci si dà appuntamento lungo i canali per gustare la cucina fiamminga nei vari locali dove si esibiscono gruppi jazz. Ottima destinazione è il Café Den Turk (Botermarkt 3, www.cafedenturk.be ). In estate poi, arrivano le vivaci Feste di Gent (www.gentsefeesten.be): 10 giorni, dal 19 al 28 luglio, di eventi gratuiti.

A spasso con gli stilisti. Altri 45 minuti di treno e si è ad Anversa, storico centro dei diamanti e vetrina per gli stilisti emergenti in mostra al MoMu, il Museo della Moda (Nationalestraat 28, www.momu.be ). Il Museo del Diamante (Koningin Astridplein 19-32, www.diamantmuseum.be ) è appena fuori dalla stazione: è interessante scoprire la lavorazione di questi gioielli che hanno reso celebre la città. Poi si può partire per un tour delle boutique, dai brand internazionali della zona Sud e del Quartiere Latino, fino alle aree riconvertite in location d'arte dello storico porto mercantile. In estate poi, le rive del fiume Schelda diventano un ottimo luogo dove fermarsi: le spiagge sono animate da musica, bar, ombrelloni e tanto divertimento. Anversa, però, non è solo shopping. È anche la patria di Rubens: visse al 9 di Wapper e lasciò alla città capolavori come i trittici della Cattedrale di Nostra Signora e i dipinti nella chiesa di San Paolo.

Il borgo universitario. Sulla via del ritorno vale la pena fare una sosta a Lovanio. Da vedere c'è il municipio gotico simbolo della città e l'università, una delle più antiche d'Europa, ma soprattutto ci si ferma per la vita notturna. Sarà per i tanti giovani in città o forse per la presenza del birrificio InBev, uno dei maggiori produttori di birra al mondo e papà di famose marche come Stella Artois, qui la sera si fa sempre festa. Dove? In Oude Markt: una serie ininterrotta di locali notturni.

Dal 13 al 17 agosto, One2One (tel. 0105 95 4095, www.viaggipersingle.it ) propone un viaggio in bus nelle Fiandre, in hotel 3 o 4 stelle a mezza pensione, a partire da 620 euro. www.belgio.it

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
 
 
salute/vivere-meglio/una-romantica-estate-nelle-fiandre$$$Una romantica estate nelle Fiandre
Mi Piace
Tweet