Vacanze di charme in Corsica 

Piccoli alberghi a pochi metri dal mare, per addormentarsi cullati dalle onde. Silenziosi porticcioli accarezzati dal vento, per cenare a lume di candela. Su questa magica isola del Mediterraneo si trovano angoli di charme persino ad agosto

di Ornella d'Alessio, Ornella d'Alessio  - 31 Maggio 2006

All'inebriante aroma di lentisco, mirto e lavanda che si respira sulle coste del Mediterraneo, la Corsica aggiunge qualcosa di più. Il dolce soffiare del vento. La luce radente che impreziosisce ogni cosa. E l'anima un po' magica di un posto dove, anche in estate, si trovano angoli tranquilli, perché solo il 5 per cento dei 1.000 chilometri di costa è abitato. Un'isola da conoscere via terra o via mare.

Il "dito" puntato verso nord

Per scoprire il litorale di Capo Corso, penisola bella e ventosa a forma di dito proteso verso il continente, si parte da Bastia, dove arrivano i traghetti. Ma prima di mettersi per strada ci si concede una sosta in uno dei café di place Saint-Nicolas. Poco più a nord s'incontra il piccolo borgo marino di Erbalunga, detto il villaggio dei pittori. Con il suo porticciolo, i ristoranti a filo d'acqua, le barche coloratissime e i pescatori che, dall'alba, sono sul molo a ricucire le reti, sembra una piccola Portofino.

Alle spalle del porto, in un ampio giardino, si nasconde Castel Brando (tel. 0033/4-95301030), doppia con colazione da 99 euro. È il buen retiro di artisti, tra cui Jean Reno, uno dei protagonisti de Il Codice da Vinci. Ancora più a nord, Macinaggio, il porto più trendy della zona, tappa fissa per vele e yacht in arrivo dal nord Italia: è un approdo storico, da cui passarono Napoleone Bonaparte e l'Imperatrice Eugenia.

In paese si dorme al B&B Chez Rafael (tel. 6-24023001), ricavato in una ex scuderia a 200 metri dal porticciolo: doppie da 120 euro per la mezza pensione. Il periplo del Capo si conclude a Nonza, dalla cui torre del Cinquecento lo sguardo spazia verso il golfo di Saint-Florent, il deserto des Agriates e, ancora più a sud, a Balagne.

Per soggiornare a pochi metri dalla spiaggia di ciotoli di Marine de Negru, c'è il Relais du Cap (tel. 4-95378652). Le camere sono semplici, accoglienti e così vicine all'acqua che sembra di essere cullati dalle onde. Doppie da 45 euro.

Tra le baie più belle

Proseguendo verso sud si arriva nella deliziosa cittadina di Saint-Florent, dove, dal 4 al 7 luglio, si tiene Porto latino (tel. 6-03281400; www.portolatino.com), festival di musica sudamericana. Per dormire si va da Maison Rorqual (tel. 4-95370537). Qui offrono 5 stanze di design, molto particolari: dall'acqua della doccia, che scorre su una roccia a vista prima di zampillare su un tappeto di ciotoli levigati dal mare, a un trionfo di oggetti artigianali dai disegni sorprendenti. La casa è circondata da un parco di erba all'inglese con alberi da frutto e ulivi.

Da questa piccola Saint Tropez corsa, si arriva nel deserto des Agriates, un universo di colori, profumi, stagni, rocce, vento e acqua. Selvaggia e solitaria è la spiaggia di Saleccia, ultimo baluardo selvaggio prima di raggiungere Ajaccio, città natale di Napoleone. Qui tutto ricorda l'imperatore: le scuole, le strade e i monumenti. Ai piedi della cittadella si visitano la sua casa e la cattedrale dove fu battezzato. Mentre al museo Fesch si ammirano collezioni ricche di capolavori di Botticelli, Bellini, Tiziano, doni del cardinale, zio di Napoleone. Dal 21 al 30 luglio qui si svolgono le regate del Trofeo Mediterraneo (tel. 4-95238900) aperto alle barche da crociera lunghe più di nove metri.

Fino a Bonifacio

Scendendo verso il Golfo di Valinco, uno dei più intatti dell'isola, ecco Propriano, animato dal vivace via vai di barche che attraccano nel porticciolo. Per mangiare pesce fresco, si può prenotare da U Pescadori (13, av. Napoléon, tel. 4-95764295): specialità la zuppa di pesce accompagnata da fettine di pane abbrustolito, gruviera grattugiato e la rouille, una salsa a base di peperone. Menu da 25 euro.

Da non perdere un giro a Bonifacio, paradiso dello shopping del sud dell'isola. È la più originale delle città corse per la sua posizione strategica in un fiordo a strapiombo sul mare e per la sua tormentata e secolare storia. Chi è in barca a vela e vuole continuare a circumnavigare l'isola, qui può incontrare venti e mare sfavorevoli. Passare le Bocche di Bonifacio controvento è impegnativo, un'impresa per skipper esperti.

Come arrivare

Con Corsica Ferries (tel. 199400500; www.corsicaferries.com): andata e ritorno da vari porti italiani per due adulti e un'auto fino a 4 metri (con tariffa jackpot auto a 1 euro), da 117,36 tasse incluse. Con Mondovela Yachting & Vacanze (tel. 024819071, www.mondovela.it) la crociera di una settimana a bordo di una barca a vela di 14 metri con 3 cabine doppie, lo skipper e il marinaio, costa da 590 euro (escluso cambusa), partendo dal porto di Livorno. Con Equinoxe (tel. 0118185211) il noleggio di una barca a vela di 11 metri con tre cabine e due bagni da Ajaccio, per una settimana fino al 22 luglio, costa da 2. 940 euro + 220 euro per lenzuola, pulizia finale, pieno acqua e carburante. Per informazioni c'è il Turismo francese: tel. 899-199072 (0,63 centesimi al minuto, da lunedì a venerdì, 14-17); www.franceguide.com.

Un itinerario speciale

Bastano un'auto e una giornata di vacanza, per scoprire angoli imperdibili della Corsica. Si parte da Pigna, borgo agricolo abbarbicato alla montagna. È un balcone sul mare, con strette vie zeppe di localini e atelier di artigiani. Seguendo la strada N.197 e la costiera D81 per 95 km, in due ore, ecco les Calanche, alte rocce granitiche (ben segnalate dai cartelli), meravigliose tinte di rosso al tramonto. Altri 15 km e si arriva al sentiero che, come indicato da cartelli, scende alla Ficajola, una splendida insenatura color zaffiro. Ancora a sud, si seguono la D81 e la D302 fino al sito archeologico di Filitosa, dove si ammirano statue-menhir ornate di pugnali e spade (tel. 4-95740091; 9-19, 5 euro).

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
 
 
salute/vivere-meglio/vacanze-di-charme-in-corsica$$$Vacanze di charme in Corsica
Mi Piace
Tweet